Il Papa riceve Parmelin nel giorno del giuramento delle Guardie svizzere

SDA

6.5.2021 - 14:40

Papa Francesco si è intrattenuto con il presidente della Confederazione Guy Parmelin
Keystone

Papa Francesco ha ricevuto stamane in udienza al Palazzo apostolico vaticano il presidente della Confederazione Guy Parmelin che questo pomeriggio parteciperà, nel Cortile di San Damaso, alla cerimonia per il Giuramento di 34 nuove Guardie Svizzere.

SDA

6.5.2021 - 14:40

«Durante i cordiali colloqui, – spiega una nota del Vaticano – oltre a ricordare il generoso servizio della Guardia Svizzera Pontificia nel giorno del giuramento dei nuovi membri, è stato espresso compiacimento per le buone relazioni e la fruttuosa collaborazione che intercorrono tra la Santa Sede e la Confederazione Elvetica. Nel contesto del recente centenario della ripresa dei rapporti diplomatici si è ribadita la volontà di rafforzare tale collaborazione reciproca sulle principali questioni internazionali e su ambiti di comune interesse».

Dopo l'incontro con il Papa, Guy Parmelin si è successivamente incontrato con il cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato, accompagnato da Mons. Paul Richard Gallagher, Segretario per i Rapporti con gli Stati.

Udienza con le Guardie svizzere

In una successiva udienza, il Papa ha ricevuto anche le nuove reclute della Guardia Svizzera Pontificia accompagnate dai genitori, che presteranno giuramento alle 17.00.

«Come ben sapete – ha sottolineato il Pontefice ai giovani elvetici – le funzioni della Guardia Svizzera, pur rivestendo carattere militare, costituiscono uno speciale servizio al Sommo Pontefice e alla Sede Apostolica a beneficio dell'intera Chiesa. È pertanto motivo di grande apprezzamento il fatto che dei giovani scelgano di dedicare alcuni anni della loro esistenza nella generosa disponibilità al Successore di Pietro e alla Comunità ecclesiale».

«Il Signore – ha osservato Bergoglio – talvolta chiama alcuni tra voi a seguirlo nella strada del sacerdozio o della vita consacrata – ha osservato -, trovando un terreno disponibile coltivato proprio durante il tempo di servizio nella Guardia. Altri invece seguono la vocazione coniugale e formano una propria famiglia».

«Ringrazio con voi il Signore, fonte di ogni bene – ha proseguito Francesco -, per i diversi doni e le varie vocazioni che vi affida, e prego perché anche quanti iniziano ora il loro servizio possano rispondere pienamente alla chiamata di Cristo, seguendolo con fedele generosità».

«Vi ringrazio pubblicamente»

«Questa circostanza – ha sottolineato il Pontefice – mi offre l'opportunità di ringraziare pubblicamente tutti i membri della Guardia Svizzera per il diligente adempimento del loro servizio. Apprezzo molto la vostra capacità di coniugare gli aspetti professionali e quelli spirituali, esprimendo così la vostra devozione e fedeltà alla Sede Apostolica».

«Da parte loro, i pellegrini e i turisti che vengono a Roma – ha aggiunto – hanno la possibilità di sperimentare la cortesia e la disponibilità delle guardie ai vari ingressi della Città del Vaticano». «Non dimenticate mai queste qualità, che rappresentano una bella testimonianza e sono il segno dell'accoglienza della Chiesa – ha concluso il Papa -. Rivolgo i miei sinceri auguri alle giovani reclute e spero che possano fare proficue esperienze spirituali e umane sia in Vaticano che nella città di Roma. Possano questi anni che trascorrerete qui essere occasione per un approfondimento della vostra fede e un amore ancora più forte alla Chiesa».

SDA