Paula Hitler: «Devo parlare bene di lui, dopotutto è mio fratello»

Philipp Dahm

3.6.2020 - 17:03

Adolf Hitler e sua sorella Paula.
Keystone/Getty Images

Il suo cognome le ha concesso qualche vantaggio, il che non ha tuttavia potuto compensare la sofferenza che il fratello Adolf le ha causato: dipendente dai sussidi negli ultimi anni della propria vita, Paula Hitler è morta 60 anni fa. 

Adolf Hitler non era figlio unico. Aveva cinque tra fratelli e sorelle, dei quali soltanto Paula arrivò all'età adulta. Morirà il 1 giugno 1960 all'età di 64 anni. 

Il padre di Adolf e Paula nacque nel 1837 a Döllersheim, nella Bassa Austria, da una relazione illegittima. Chi era quest'uomo? Dopo la scuola elementare, Alois Schicklgruber seguì un corso da calzolaio e partì per Vienna a 13 anni. Quattro anni dopo, superò il suo esame finale di apprendistato in trattamento del cuoio e completò il servizio militare.

Una prima moglie più grande di 14 anni, una seconda di 24 più giovane

Nel 1855, il ragazzo di 18 anni venne assunto come doganiere. Nei 16 anni successivi, compì numerosi passi. Si sposò una prima volta nel 1873: Alois aveva 36 anni e sua moglie Anna Glasl-Hörer ne aveva già 50. Nel 1876, Alois assume il nome della famiglia del fratello di suo suocero per poterne raccogliere l'eredità. La ragione per la quale l'amministrazione cambiò il nome da Hiedler a Hitler è incerta.

Alois Hitler senior voleva essere chiamato «Herr Oberoffizial Hitler».
Dominio pubblico

Il matrimonio di Alois Hitler con questa donna, figlia di un doganiere, fragile ma agiata, non portò ad alcuna nascita. La coppia si separò e Anna morì nel 1883. In quel momento, Alois aveva già un figlio nato da Franziska Matzelsberger, cuoca di 24 anni: Alois Hitler Junior nacque nel 1882. L'anno successivo, la coppia si sposerà. Tuttavia, l'idillio durerà poco: il 28 luglio 1884, Franziska diede alla luce la figlia Angela ma morì 13 giorni dopo di tubercolosi.

Klara Hitler, madre di Adolf e Paula.
Dominio pubblico

A causa della malattia di Franziska, Alois Hitler chiese aiuto a sua cugina Klara Plötzl, che aveva già lavorato presso la famiglia per occuparsi delle pulizie, tra il 1875 e il 1881. Meno di cinque mesi dopo la morte della sua seconda moglie, Alois si presentò di nuovo all'altare, dopo che Roma aveva autorizzato il matrimonio con la piccola cugina di secondo grado.

Sei figli: soltanto Adolf e Paula sopravvissero

Quattro mesi dopo il matrimonio, il 17 maggio 1885, il primo figlio era già arrivato: Gustav morì tuttavia di difterite a due anni. Nel 1888, la malattia uccise anche Ida, a un anno e mezzo. Adolf nacque il 20 aprile 1889, seguito dal fratello Otto nel 1892, morto di encefalite nel giro di sei giorni. 

Adolf Hitler bambino, attorno al 1890.
Dominio pubblico

Quando Adolf Hitler aveva circa cinque anni nacque suo fratello Edmund, che perderà la vita a sei anni a causa del morbillo. Paula completerà la famiglia Hitler il 21 gennaio 1896. A partire dal 1875, Alois Hitler si era trasferito a Braunau am Inn, dove nacque suo figlio Adolf nel 1889.

Nel 1892 la famiglia si spostò ancora, stavolta a Passau, a seguito di una promozione. Nel giro di un anno e mezzo, dopo un'altra promozione, il nucleo si trasferì a Linz, dove Alois Hitler fu posto alla testa del servizio doganale della direzione finanziaria. Vi lavorò fino alla pensione, raggiunta nel giugno del 1895. Nel mese di febbraio, Alois Hitler aveva già comprato una casa a Hafeld, piccolo villaggio nei pressi di Linz: la «Rauscher Gut» si estendeva su 3,8 ettari. È qui che Paula Hitler viene al mondo, un anno dopo. 

Adolf Hitler, il giovanotto «distrutto»

Adolf e Paula passarono la loro infanzia alla «Rauscher Gut» con il loro fratellastro Alois Junior e la sorellastra Angela. Quando Edmund morì di morbillo, nel 1900, Adolf aveva undici anni e Paula quattro. Il padre era severo e picchiava i figli: Alois Junior si scontrò con lui e lasciò la casa della famiglia prima della sua morte, nel 1903. Anche Adolf si ribellò contro il vecchio padre, che faceva soffrire anche la madre Klara. 

Adolf Hitler (al centro) a scuola nel 1899.
Dominio pubblico

«Anche i suoi amici più intimi ammettevano che Alois era “terribilmente brusco” con la moglie e che “non le rivolgeva praticamente la parola a casa”», scrive Robert G. L. Waite, biografo di Adolf Hitler.

Appassionato di apicoltura, cadde e morì a 65 anni, il 3 gennaio 1903, mentre si era recato per bere un bicchiere di vino al mattino all'albergo Stiefler a Leonhard, nei pressi di Linz. «Quando suo figlio di 14 anni vide suo padre morto, scoppiò a piangere singhiozzando senza riuscire a fermarsi», ricordava un amico d'infanzia di Adolf Hitler. 

Soltanto quattro anni più tardi, anche la madre Klara morì, per un cancro al seno, a 47 anni. Paula aveva quasi dodici anni quando diventò orfana. All'epoca, Adolf, 18enne, chiese di essere ammesso all'Accademia di belle arti di Vienna. Il medico ebreo della famiglia dichiarò più tardi di non aver «mai visto un uomo così distrutto e annichilito» come Adolf Hitler dopo la morte della madre.

Gli orfani Hitler

Dopo tale decesso, Paula andò a vivere dalla sorellastra Angela, che si era sposata e diventerà madre di tre figli. Percepiva una rendita da orfana che doveva dividere con Adolf. Essa veniva versata ai bambini che frequentavano la scuola o che seguivano degli studi, fino all'età di 24 anni. Il fratello di Paula si presentò come studente d'arte. Soltanto nel 1911 dichiarò di aver interrotto gli studi; così, a sua sorella andò la totalità della somma, ovvero 50 gulden al mese. 

La sorellastra Angela era non soltanto orfana, ma divenne anche vedova a partire dall'anno successivo: suo marito morì a 31 anni. Malgrado la situazione precaria, Paula concluse le elementari e la scuola per ragazze. Familiarizzò con la macchina da scrivere. Voleva diventare segretaria. Non ebbe alcun contatto con Adolf dopo la morte della madre. Fu solo nel 1920, quando venne assunta da una compagnia d'assicurazioni viennese, che i due fratelli si rividero.

Adolf Hitler nel 1915, nel corso della Prima guerra mondiale.
Dominio pubblico

Anche negli anni Venti, quando il fratello era in piena ascesa in Germania, le cose non cambiarono. Nell'aprile del 1923 la giovane 27enne lasciò per la prima volta l'Austria per andare a trovare il fratello a Monaco. Ma quando quest'ultimo fu incarcerato alla fine dell'anno, dopo un golpe fallito, non andò a rendergli visita, al contrario della sorellastra Angela e dei suoi tre figli. 

La nipote di Adolf Hitler si suicidò nell'appartamento che condividevano

Si trasferì con i suoi tre figli a Monaco e più tardi al Berghof di Adolf Hitler. Anche sua figlia Geli andò a vivere dallo zio Adolf, che era anche suo tutore: si suicidò nell'appartamento di nove camere che condividevano il 18 settembre 1931, a 23 anni. Tra gli anni Trenta e Quaranta Paula affermò di aver visto suo fratello solo una volta l'anno all'incirca.

Angela «Geli» Raubal visse con Adolf Hitler a Monaco prima di suicidarsi nel loro appartamento.
Dominio pubblico

A partire dal 1930, Paula fu sostenuta finanziariamente da Adolf dopo aver perso il suo lavoro nel settore assicurativo a Vienna, «perché si sapeva chi fosse suo fratello». Su suo consiglio, decise di farsi chiamare Paula Wolff: il Führer mantenne la famiglia al di fuori della sfera pubblica e le vietò anche di far parte del partito nazionalsocialista NSDAP.

Adolf Hitler con Eva Braun.
Getty Images

Paula lavorò sporadicamente, ascoltava i discorsi di Hitler sulla Heldenplatz di Vienna dopo l'annessione dell'Austria e durante la guerra fu impiegata come segretaria in un ospedale militare. Quando incontrò Erwin Jekelius, medico specializzato negli atti di eutanasia, chiese a Adolf il permesso di sposarlo. Ma il Führer fece firmare all'uomo un documento nel quale si impegnava a porre fine alla relazione e lo inviò sul fronte orientale. Erwin Jekelius morì in prigione in Russia.

Paula non crede che Adolf sia colpevole

Dopo la capitolazione dei nazisti, Paula Hitler venne arrestata e interrogata. Disse agli americani nel giugno 1945: «Non credo che mio fratello abbia ordinato i crimini che sono stati commessi contro tutte queste persone nei campi di concentramento. E neppure che fosse a conoscenza di questi crimini. Devo parlare bene di lui, dopotutto è mio fratello. Non può più difendersi». 

Paula Hitler, 1945.
Getty Images

Dopo essere stata liberata dagli Alleati, Paula tornò a Vienna e lavorò in un negozio d'arte. Nel 1952, si trasferì a Berchtesgaden, nell'Alta Baviera. Viveva in un piccolo alloggio e beneficiava di un sussidio. Degli ex membri delle SS e degli ex nazisti la andavano di tanto in tanto a trovare per sincerarsi delle sue condizioni. Nel 1956, abbandonò il cognome Wolff e tornò a farsi chiamare Hitler.

Poco prima di morire di cancro, nel 1960, un tribunale le accordò i due terzi dell'eredità di Adolf Hitler. Dopo la sua morte, tali averi andarono alla sorellastra Angela e al fratello Alois Junior. Quest'ultimo era emigrato a Londra e aveva avuto un figlio da un'irlandese. I discendenti vivevano ormai negli Stati Uniti, facendosi chiamare Houston e non più Hitler.

Né loro, né i discendenti di Angela hanno poi ricevuto l'eredità di Adolf Hitler: i beni e i diritti sono andati allo Stato Libero di Baviera.

I figli dei criminali nazisti

Tornare alla home page