Una panoramica

Quali paesi hanno già superato il muro di Omicron?

Di Oliver Kohlmaier

20.1.2022

In Sudafrica, qui Città del Capo, la gente è sollevata dal fatto che l'ondata di Omicron sia alle spalle.
In Sudafrica, qui Città del Capo, la gente è sollevata dal fatto che l'ondata di Omicron sia alle spalle.
KEYSTONE

Mentre l'ondata di Omicron imperversa da noi e in altre parti d'Europa, alcuni paesi hanno già superato il picco dei contagi. Il che ha anche un impatto sulle misure. Ecco una panoramica.

Di Oliver Kohlmaier

20.1.2022

La settimana scorsa, l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha avvertito che più della metà della popolazione europea potrebbe essere infettata dalla variante Omicron del Covid entro metà marzo. Ora, le proiezioni degli esperti dell'OMS suggeriscono che l'ondata di questa variante si sta gradualmente stabilizzando.

Soprattutto in Europa la crescita è rallentata al 10%, mentre in Nord e Sud America al 17%. L'attuale hotspot, tuttavia, è ora il sud-est asiatico.

La variante Omicron ha dimostrato di essere, per così dire, una «versione turbo» del SARS-CoV-2. «Il numero delle infezioni diminuirà tanto velocemente quanto è salito alle stelle», ha detto la settimana scorsa all'agenzia di stampa AP Ali Mokdad, un professore di metrica sanitaria. 

La mutazione è così contagiosa che dopo poco tempo non rimane quasi nessuna persona che possa essere infettata, «semplicemente perché tutti quelli che potrebbero essere contagiati lo saranno».

Il picco delle cifre dell'infezione tende quindi a essere raggiunto più rapidamente rispetto alla variante precedente, la Delta.

Record di casi in Svizzera

Quel momento probabilmente non è ancora arrivato in Svizzera. Oggi, giovedì, l'UFSP ha riportato un nuovo numero record di nuove infezioni dall'inizio della pandemia, con oltre 39'000 casi.

Tuttavia, secondo la Task force, il picco dell'ondata di Omicron potrebbe ancora essere raggiunto a gennaio.

In Germania, non c'è dubbio. Il numero di infezioni è alle stelle, i record vengono battuti ogni giorno. Il ministro della sanità Karl Lauterbach sta preparando i suoi connazionali a «settimane molto difficili» e si aspetta centinaia di migliaia di nuove infezioni ogni giorno.

La Francia, l'Italia, l'Austria e molti altri Paesi sono pure loro nel mezzo dell'ondata di Omicron. Altrove, tuttavia, il peggio è probabilmente alle spalle. Alcuni sviluppi danno motivo di speranza. Vediamoli:

Sudafrica

Il primo caso ufficiale della «variante di preoccupazione» Omicron è stato registrato in Sudafrica. Nonostante tutte le restrizioni di viaggio, la mutazione altamente contagiosa si è diffusa in tutto il mondo da novembre 2021.

Alla fine di dicembre, le autorità sudafricane hanno riferito che il picco dell'ondata di infezione era stato superato. Il governo ha eliminato per primo l'odiato coprifuoco notturno, addirittura prima di Capodanno.

Secondo il ministro Mondli Gungubele, non c'è stato un aumento allarmante del numero di ricoveri ospedalieri né del numero di morti.

Nel frattempo, il Paese ha revocato quasi tutte le misure anti-Covid. Il Sudafrica è al più basso dei cinque livelli del sistema di allerta, che è in vigore da quasi due anni. Le mascherine nei luoghi pubblici, tuttavia, sono ancora obbligatorie, così come le regole sulla distanza sociale.

Regno Unito

Il Regno Unito è stato uno dei primi paesi in Europa a essere colpito da Omicron e ora ha superato il picco dell'ondata prima di altri.

Il numero di infezioni aveva già raggiunto il picco il 5 gennaio e nelle due settimane successive è sceso, in alcuni casi in modo significativo. Questo ha anche un effetto sulle misure, che ora vengono tolte.

Il primo ministro Boris Johnson, che è in difficoltà a causa dello scandalo «Partygate», ha annunciato ieri, mercoledì, alla Camera dei Comuni che praticamente tutte le misure saranno revocate.

Tra le altre cose, l'obbligo del telelavoro sarà abolito, l'accesso alle discoteche sarà reso più facile e le regole per i raduni saranno allentate. Già a partire da questo giovedì, l'obbligo di indossare mascherine per gli scolari non sarà più un requisito legale. Anche altrove non saranno più obbligatorie, ma la «scelta privata» delle persone, ha detto Johnson.

Stati Uniti

Negli Stati Uniti, Omicron si è diffuso altrettanto rapidamente che nel resto del mondo. Il numero di nuove infezioni era salito a una media di 700.000 al giorno nelle ultime settimane, e martedì scorso il precedente record pandemico è stato battuto, con circa 1,35 milioni di nuove infezioni.

Ci sono molte indicazioni che anche gli Stati Uniti hanno ormai superato il picco e l'ondata si sta lentamente calmando, anche se gli esperti sono ancora cauti. Il principale virologo statunitense Anthony Fauci suppone che prima o poi Omicron colpirà «in definitiva quasi tutti».

Tuttavia, Fauci dà anche una speranza agli statunitensi. «Penso che stiamo assistendo allo sviluppo di un'infezione molto più frequente, ma meno grave», ha detto a Der Spiegel.

Il Covid, ha detto, potrebbe presto diventare un'altra malattia respiratoria che non è più un problema per la maggior parte della popolazione.

Il presidente Joe Biden, nel frattempo, è fiducioso. Il paese sta andando verso un momento in cui il SARS-CoV-2 non disturberà più la vita quotidiana delle persone e non sarà più un motivo di crisi. Ciononostante, le nuove infezioni rimangono a un livello elevato.

Attualmente, 400 milioni di mascherine vengono distribuite gratuitamente nel paese. Inoltre, il governo degli Stati Uniti prevede di distribuire un miliardo di test casalinghi per il Covid, sempre gratuitamente.