Quanto è pericolosa la variante Delta?

uri /  dpa / AFP

9.6.2021

I turisti britannici stanno tornando a casa il 5 giugno all'aeroporto di Faro, in Portogallo, dopo che il governo britannico ha rimosso la popolare destinazione turistica dalla lista verde dei paesi che possono essere visitati senza quarantena a causa delle preoccupazioni sulla variante Delta.
I turisti britannici stanno tornando a casa il 5 giugno all'aeroporto di Faro, in Portogallo, dopo che il governo britannico ha rimosso la popolare destinazione turistica dalla lista verde dei paesi che possono essere visitati senza quarantena a causa delle preoccupazioni sulla variante Delta.
KEYSTONE

La variante del Covid proveniente dall'India - Delta: B.1.617.2 - sta rapidamente guadagnando terreno nel Regno Unito. Gli esperti temono una nuova ondata. Quanto è presente in Svizzera? E quanto è davvero pericolosa? Una panoramica sullo stato attuale delle conoscenze.

uri /  dpa / AFP

9.6.2021

Tra due settimane l'Inghilterra vuole tornare alla normalità. Allora quasi tutte le misure contro il Covid dovrebbero essere revocate. Ma il virus potrebbe mettere i bastoni tra le ruote ai britannici. Gli esperti stanno già mettendo in guardia contro un rilassamento prematuro in vista del numero crescente di casi dovuti alla cosiddetta variante Delta.

Dato il buon tasso di vaccinazione nel Regno Unito - attualmente circa il 60% della popolazione è stata immunizzata una volta e il 40% ha già una protezione completa - il governo ha finora continuato ad attenersi al suo piano di eliminare tutte le misure il 21 giugno.

Ma l'immunologo Ravindra Gupta dell'Università di Cambridge ha criticato sulla BBC la decisione: «Tornare completamente alla normalità non è sicuramente nell'interesse generale». La ragione dello scetticismo dell'esperto è il significativo aumento dei casi attribuiti alla variante Delta.

Originariamente chiamato B.1.617.2, questo sottotipo della mutante B.1.617 del Covid-19 è stato identificato per la prima volta in India. È stato registrato per la prima volta nel Regno Unito il 22 marzo e da allora ha già rimpiazzato la variante Alfa altamente contagiosa (B.1.1.7) che è emersa proprio oltre Manica. Dall'inizio di aprile, il numero di casi della variante Delta è raddoppiato ogni otto giorni. 

David King, capo del gruppo di esperti indipendenti Independent Sage, sta già lanciando l'allarme: «Questa è la prova che un'altra ondata sta arrivando», ha detto a Sky News. L'esperto Gupta ha anche avvertito che il virus continua a mutare. Inoltre, sta diventando «più bravo a eludere le nostre difese».

Il mutante, classificato come «preoccupante» dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), è arrivato da tempo anche in Svizzera. Le domande e le risposte più importanti. 

Quanto velocemente si diffonde il mutante?

Che la variante Delta sia probabilmente molto più contagiosa del ceppo originale del Covid e di altre varianti è un sospetto da tempo. Domenica scorsa, il segretario alla sanità britannico Matt Hancock ha dato una cifra concreta alla BBC.

Il «vantaggio di crescita» della variante rispetto alla variante Alfa è di circa il 40%, secondo i risultati del gruppo di esperti Sage, ha detto Hancock. Uno studio indiano non ancora pubblicato dell'inizio di giugno ha persino concluso che la trasferibilità era del 50% superiore a quella della variante britannica.

Come la rivista The British Medical Journal ha scritto in un rapporto all'inizio di giugno, ci sono anche «crescenti preoccupazioni» in Inghilterra poiché la variante si sta diffondendo in particolare tra i bambini delle scuole, dal momento che ci sono stati diversi focolai gravi. 

Qual è la ragione della maggiore infettività?

La ragione della maggiore infettività della variante Delta non è ancora stata trovata con certezza. Tuttavia, è noto che la variante ha diverse mutazioni. Due mutazioni rilevanti riguardano la cosiddetta proteina spike con cui il virus si attacca alle cellule umane, che sono associati alla maggiore infettività.

Secondo i test di laboratorio britannici e tedeschi, c'è anche la prova che l'agente patogeno può moltiplicarsi meglio nel tratto respiratorio e penetrare le cellule intestinali e polmonari più facilmente di altre varianti.

Quanto è pericoloso B.1.617.2?

L'OMS ha già classificato la variante Delta come «preoccupante». È quindi considerato un mutante che si diffonde più facilmente, che potrebbe causare malattie più gravi, eludendo il sistema immunitario, alterando l'aspetto clinico o riducendo l'efficacia degli strumenti conosciuti.

Una nuova valutazione del rischio da parte del Public Health England dice anche: «Le prove iniziali dall'Inghilterra e dalla Scozia suggeriscono che ci può essere un aumento del rischio di ricoveri ospedalieri rispetto alla variante Alfa». Inoltre, alcune regioni hanno mostrato un aumento dei pazienti che finiscono in ospedale. Ma, conclude l'agenzia, per ora la tendenza nazionale non può ancora essere valutata.

E in Svizzera?

Secondo l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), la variante indiana B.1.617 è stata registrata per la prima volta in Svizzera in un campione prelevato alla fine di marzo. Secondo il rapporto, una persona del canton Soletta che era entrata in Svizzera attraverso un aeroporto di transito svizzero si era infettata.

Secondo i dati dell'autorità, tuttavia, la variante gioca ancora un ruolo minore nell'incidenza dell'infezione in Svizzera. Nel sistema di segnalazione, è stato registrato 15 volte fino all'8 giugno, e 74 volte nella sorveglianza tramite sequenziamento del genoma di campioni casuali. La proporzione della variante nella media di 7 giorni è dell'1,6%.

Circa tre settimane fa, Virginie Masserey, capo della sezione di controllo delle infezioni presso l'UFSP, non vedeva motivo di grande preoccupazione per l'evoluzione di B.1.1.7.1. «Il numero di casi rilevati è basso», aveva detto in conferenza stampa.

Al punto stampa dell'8 giugno, Masserey ha detto che nel complesso la Svizzera è in una buona posizione in un confronto internazionale. Come in altri paesi, il numero di casi è in calo.

Tuttavia, ha anche sottolineato che il Regno Unito è un'eccezione a causa della variante Delta. Per prevenire la diffusione delle varianti, in generale, è necessario che più cittadini siano vaccinati, ha avvertito l'esperta.

Quanto bene i vaccini attuali proteggono dalla Delta?

I vaccini attuali sono efficaci anche contro il mutante Delta, ma sono meno efficienti. Secondo i dati di Public Health England, la protezione vaccinale dopo una dose di vaccini mRNA o vettoriali è del 34%, ossia ben al di sotto dell'effetto del 51%, per esempio, sulla variante B.1.1.7.

Anche dopo una vaccinazione completa, la protezione corrispondente dell'88% con il vaccino mRNA è ancora un po' inferiore al 93% raggiunto con la variante Alfa. Allo stesso modo, il vaccino vettore di AstraZeneca usato in Gran Bretagna era meno efficace dopo due dosi del 6%.

Coloro che sono già stati completamente vaccinati contro il Covid-19 sono dunque, secondo le conoscenze attuali, anche protetti contro la variante Delta, ha detto il ministro della salute britannico Hancock nel fine settimana. Tuttavia, ha anche ammesso alla BBC che la variante rende difficile fare previsioni per l'apertura prevista il 21 giugno: «Guarderemo i dati per un'altra settimana e poi prenderemo una decisione», aggiungendo che il governo era «assolutamente aperto» a posticipare l'allentamento.