Giustizia

Terapia per «Carlos», si va in appello

ATS

7.11.2019 - 11:24

Brian alias «Carlos».
Source: KEYSTONE/LINDA GRAEDEL

L'avvocato del giovane pluripregiudicato zurighese noto con il soprannome di «Carlos» ha annunciato un ricorso in appello contro la sentenza del Tribunale distrettuale che mercoledì ha ordinato una terapia psichiatrica stazionaria per il 24enne.

«Faremo appello», ha dichiarato il difensore alla Neue Zürcher Zeitung. Considerati i precedenti, l'avvocato ritiene peraltro che una terapia non rappresenti una via percorribile per il suo assistito.

Il Tribunale distrettuale di Dielsdorf (ZH), che per motivi di spazio si è riunito a Zurigo, ha condannato mercoledì «Carlos» – che oggi preferisce essere chiamato con il suo nome di battesimo, ossia Brian – a una pena supplementare di 4 anni e nove mesi di detenzione per una serie di aggressioni ai danni di secondini, poliziotti e altri detenuti.

Carlos si è sempre opposto alla terapia

La condanna è però sospesa in favore di una misura terapeutica stazionaria, conosciuta nel gergo giudiziario anche come «piccolo internamento». In pratica si tratterà di verificare ogni cinque anni se la terapia è efficace e se è necessario prolungarla.

Il problema è che Brian alias «Carlos» si è sempre opposto a qualsiasi forma di terapia. Secondo una perizia esiste tuttavia una «piccola probabilità» che una simile misura possa essere efficace.

Oggetto di diversi procedimenti giudiziari

Il 24enne è attualmente detenuto nel penitenziario di Regensdorf (ZH), dove rimarrà in regime di carcerazione di sicurezza almeno fino al 6 maggio 2020.

Il nuovo processo che sarà convocato davanti al Tribunale cantonale non sarà del resto l'ultimo ad interessare l'appassionato di «boxe thailandese». Ancor prima che si aprisse l'ultimo processo, il Ministero pubblico ha infatti aperto un nuovo procedimento, ancora una volta per fatti avvenuti all'interno del penitenziario.

Le immagini del giorno

Tornare alla home page

ATS