Museo del Louvre

Una torta (quasi) in faccia alla Gioconda

ATS / sam

30.5.2022

La Gioconda imbrattata
La Gioconda imbrattata
Screenshot video Twitter

Non ha perso il suo mitico sorriso solo grazie al suo vetro protettivo: «La Gioconda», il dipinto più famoso del mondo, è stato riesposto al Museo del Louvre di Parigi, dopo aver ricevuto... una torta (quasi) in faccia.

ATS / sam

30.5.2022

Secondo le testimonianze pubblicate domenica dai turisti su Twitter o Instagram, l'incidente è avvenuto nel primo pomeriggio di domenica. Le immagini mostrano il vetro protettivo de «La Gioconda» imbrattato di crema, mentre viene pulito da un uomo che sembra essere un guardiano del museo.

Un utente di Twitter, che ha detto di essere stato presente durante l'incidente, afferma che l'autore è stato un uomo con una parrucca, che si è alzato da una sedia a rotelle per lanciare una torta contro il vetro antiproiettile della Monna Lisa.

Questo utente di Twitter (@lukeXC2002) ha pubblicato anche un video in cui l'uomo in questione viene visto in piedi accanto alla sua sedia a rotelle e scortato fuori dalla sicurezza. «Ci sono persone che stanno distruggendo la Terra (...) Tutti gli artisti, pensate alla Terra. Ecco perché l'ho fatto. Pensate al pianeta», dice, in francese, l'uomo vestito di bianco, parrucca e berretto in testa.

L'incidente non ha avuto conseguenze poiché il dipinto è posizionato dietro un vetro blindato. Sollecitato domenica sera dall'Afp, il museo del Louvre ha risposto lunedì di non voler commentare.

Altri attacchi contro la Gioconda

In altre immagini, la sedia a rotelle si vede posizionata dietro il cordone di sicurezza che i visitatori normalmente non dovrebbero oltrepassare. Nessuna foto o video ha catturato l'incidente stesso.

Non è la prima volta che il famoso dipinto di Leonardo da Vinci è vittima di atti vandalici. Nell'agosto 2009, un visitatore russo del Louvre è stato arrestato dopo aver lanciato una tazza da tè vuota in direzione della Gioconda. Il museo ha poi spiegato che la tazza si era rotta contro la teca blindata, che era stata leggermente graffiata.

Nel dicembre 1956, una boliviana lanciò un sasso, danneggiandole il gomito sinistro. Dopodiché, la tela è stata collocata dietro una teca sicura.

Presentata dal 2005 dietro vetri blindati, protetta da un apposito box dove sono controllate umidità e temperatura, «La Gioconda» vede sfilare ogni anno milioni di persone che vengono ad ammirarla nel più grande museo del mondo (dieci milioni di visitatori l'anno prima Covid).