L'Upi lancia una nuova campagna contro l'alcool al volante

ev, ats

21.12.2021 - 11:29

Basta un bicchiere per allungare il tempo di reazione e ridurre la capacità visiva, la concentrazione e la coordinazione, ricorda l'upi nella sua nuova campagna contro l'alcool al volante (foto simbolica)
Keystone

L'alcool compromette la capacità di guida di tutte le persone: un rischio di incidente esiste già con un consumo ridotto di bevande alcoliche, ricorda l'Ufficio prevenzione infortuni (upi).

ev, ats

21.12.2021 - 11:29

Quest'ultimo, in vista delle feste di fine anno, lancia una nuova campagna di prevenzione con manifesti in tutta la Svizzera e iniziative sui social media.

Basta un bicchiere per allungare il tempo di reazione e ridurre la capacità visiva, la concentrazione e la coordinazione. Inoltre, il consumo di alcool provoca stanchezza, una condizione pericolosa per mettersi al volante, sottolinea l'upi in un comunicato odierno. L'assunzione di medicinali poi può aumentare gli effetti negativi dell'alcool, puntualizza.

Con la sua nuova campagna di prevenzione, lanciata in modo mirato per le feste di Natale e Capodanno, l'upi intende sensibilizzare l'opinione pubblica su tale argomento: con manifesti in più di 6000 località in Svizzera e in forma animata sui social media ricorda che chi beve alcolici dovrebbe rinunciare a mettersi al volante.

Un sondaggio recente dell'upi rivela che i valori limite di alcool per potersi mettersi in viaggio alla guida di un veicolo vengono dimenticati: solo il 63% degli automobilisti li conosce.

In Svizzera ricorda l'upi è in vigore il limite dello 0,5 per mille. Per i neopatentati e per alcune categorie professionali il valore limite è dello 0,1 per mille, una tolleranza di fatto zero, viene sottolineato.

L'alcool è una delle principali cause di morti e feriti gravi sulle strade svizzere, ricorda l'upi: un incidente grave su nove è legato all'alcool. In media, ogni anno 32 persone perdono la vita e più di 420 riportano ferite gravi

ev, ats