USA Il leader dei Proud Boys condannato a 22 anni di carcere

SDA

6.9.2023 - 07:12

Il leader dei Proud Boys Enrique Tarrio (qui in una foto del 2020) non è riuscito a convincere il giudice del suo pentimento.
Il leader dei Proud Boys Enrique Tarrio (qui in una foto del 2020) non è riuscito a convincere il giudice del suo pentimento.
Keystone

Enrique Tarrio, ex leader del gruppo di estrema destra americano Proud Boys, è stato condannato a 22 anni di carcere per il suo ruolo nell'assalto a Capitol Hill. Si tratta della condanna finora più pesante ai rivoltosi del 6 gennaio 2021.

6.9.2023 - 07:12

«Quel giorno è stata attaccata la democrazia americana stessa e Enrique Tarrio è stato il leader assoluto dietro quell'attacco», ha affermato il giudice distrettuale Timothy Kelly motivando la condanna. «La cospirazione sediziosa è un reato molto grave», ha aggiunto.

Classe 1984, di Miami, Tarrio non ha partecipato di persona alla rivolta, ma per l'accusa è stato la mente di una delle giornate più nere per gli Stati Uniti. Era arrivato a Washington due giorni prima quando è stato fermato dalla polizia con due caricatori di fucili ad alta capacità. A dicembre aveva partecipato ad una manifestazione a favore di Donald Trump ed aveva bruciato uno striscione del movimento Black Lives Matter.

Prima erano intervenute la madre e la sorella di Tarrio che avevano chiesto clemenza, poi lo stesso leader dei Proud Boys, completamente trasformato rispetto all'immagine da duro che ha voluto dare in questi anni di militanza estremista.

«Ho avuto molte opportunità per evitare tutto questo e il mio dispiacere più grande sono i danni inflitti ad altri», ha detto leggendo una dichiarazione scritta. «Mi vergogno e dovrò vivere con questa vergogna per il resto della mia vita. La mia tracotanza mi ha fatto credere che fossi una vittima», ha proseguito quasi in lacrime.

«Non sono un fanatico. Fare danni o cambiare il risultato del voto non erano i miei obiettivi», ha aggiunto il leader estremista. «Quando torno a casa non voglio più avere niente a che fare con la politica, i gruppi, l'attivismo o le manifestazioni», ha concluso Tarrio che, evidentemente, non è riuscito a convincere il giudice.

A fine agosto erano stati condannati altri capi del gruppo che invece avevano attivamente partecipato all'assalto. Joseph Biggs e Zachary Rehl a 17 e 15 anni; 10 anni a Dominic Pezzola – l'autore uno degli atti più famigerati dell'attacco, quando sfondò una finestra del Senato con uno scudo antisommossa rubato ad un agente e poi si accese un sigaro della vittoria in Campidoglio – e 18 anni a un quarto dirigente dei Proud Boys, il 33enne Ethan Nordean.

SDA