Zurigo La procura si oppone al rilascio di «Carlos»

mh, ats

3.11.2022 - 18:24

Il Ministero pubblico di Zurigo non intende accettare la liberazione di Brian, il delinquente zurighese noto sui media svizzeri con il soprannome di «Carlos».

Un disegno di Lindra Gaedel del processo a Carlos, ora conosciuto come Brian, il 6 marzo 2017 a Zurigo.
Un disegno di Lindra Gaedel del processo a Carlos, ora conosciuto come Brian, il 6 marzo 2017 a Zurigo.
KEYSTONE/Zeichnung Linda Gaedel

mh, ats

3.11.2022 - 18:24

Lo hanno comunicato giovedì gli avvocati del 27enne, aggiungendo che il loro assistito deve essere trasferito in carcere preventivo a causa di un procedimento in corso.

In una nota, la procura non contesta l'ordine del Tribunale cantonale zurighese, che il primo novembre scorso aveva ordinato il suo rilascio. Afferma tuttavia che il giovane è accusato di 33 reati commessi tra novembre 2018 e giugno 2022, e il caso è ancora pendente.

Brian ha problemi con la giustizia da quando aveva nove anni e ha alle spalle una lunga serie di condanne per reati violenti: in tutto più di 30, di cui due da maggiorenne. La vicenda più grave risale al 2011, quando accoltellò ripetutamente alla schiena un giovane, che riportò gravi ferite. Si trova da più di cinque anni ininterrottamente in regime di detenzione preventiva o di sicurezza.

mh, ats