Putin sotto pressione in Russia

«C'è resistenza a questa guerra da tutte le parti»

Di Andreas Fischer / pab

21.9.2022

Il boss del Cremlino Vladimir Putin deve sopportare sempre più critiche nel suo paese, non da ultimo da parte della grande cantante pop russa Alla Pugacheva.
Il boss del Cremlino Vladimir Putin deve sopportare sempre più critiche nel suo paese, non da ultimo da parte della grande cantante pop russa Alla Pugacheva.
KEYSTONE/Sergei Bobylev, Sputnik, Kremlin Pool Photo via AP

Vladimir Putin affronta sempre più venti contrari. In Russia, le voci critiche contro la guerra in Ucraina sono sempre più forti. A ulteriore dimostrazione che la situazione è molto tesa il discorso alla nazione del capo del Cremlino annunciato per martedì sera è stato posticipato all'ultimo istante senza che venissero fornite spiegazioni. 

Di Andreas Fischer / pab

21.9.2022

Secondo il presidente Volodymyr Zelensky, l'Ucraina si sta preparando per la prossima tempesta in guerra dopo la sua riuscita controffensiva nell'area di Kharkiv, mentre in Russia cresce l'insoddisfazione per il conflitto. Vladimir Putin viene criticato sempre più spesso, e senza mezzi termini.

Più di recente, la più grande star della musica del paese, la cantante Alla Pugacheva, ha dato al Cremlino un «vigoroso schiaffo in faccia», come ha affermato l'ex scrittore di discorsi di Putin, Abbas Galliamov. La diva pop ha espresso critiche sorprendentemente dure alla guerra di aggressione russa – e non è la sola.

Alla Russia sta mancando il fiato nella guerra in Ucraina e Putin si sta cacciando sempre più nei guai, sia a livello nazionale che all'estero. Sebbene il sovrano russo insista su una retorica eufemistica e continui a parlare di un «raggruppamento» dell'esercito dopo la caotica fuga delle forze armate russe da Kharkiv, la verità è emersa da tempo.

La parola «guerra» è usata sempre più frequentemente in Russia, e ci sono dubbi pubblici sul senso dell'attacco all'Ucraina.

I russi si rendono conto che la guerra danneggia il Paese

L'esperto
zVg

Ulrich Schmid è professore di Cultura e Società russa all'Università di San Gallo.

Le perdite dell'esercito colpiscono personalmente il presidente. «Putin ha bisogno in fretta di una vittoria presentabile», stima l'esperto di Russia Ulrich Schmid dell'Università di San Gallo ai microfoni di blue News. «C'è resistenza a questa guerra da tutte le parti, dagli ultraconservatori e dall'opposizione. C'è una crescente consapevolezza che questo conflitto sta danneggiando gli interessi della Russia».

Da qualche settimana l'umore nel Paese sta cambiando: i politici locali chiedono le dimissioni di Putin e Alla Pugacheva, la più grande star della musica del Paese, si oppone apertamente al conflitto. Voci di spicco, ma com'è l'umore tra la popolazione? «Se si guarda alle condanne dei manifestanti contro la guerra», dice Schmid, «allora si può vedere che su un totale di 16.000 condanne, 15.000 sono avvenute nel primo mese».

Questo non significa che la guerra sarà accettata, ma che la repressione draconiana sta avendo effetto. «L'insoddisfazione è particolarmente alta nei centri urbani», afferma l'esperto.

Putin non può permettersi una mobilitazione

Ora per Putin si tratta di assicurarsi il potere. Il successo in guerra gli andrebbe bene, ma al momento non sembra sia possibile. «L'esercito di invasione russo manca di soldati addestrati e motivati», dice Schmid.

India e Cina si tengono a distanza

Putin è sotto pressione anche per quanto concerne la politica estera: «La Russia è anche molto isolata a livello internazionale», spiega Schmid. Il Cremlino ha pochi alleati e si stanno sempre più tenendo a distanza. Il primo ministro indiano Modi ha pubblicamente criticato la guerra, mentre il presidente cinese Xi Jinping è amichevole, ma riservato.

«India e Cina sono nazioni molto sicure di sé che non dipendono da un'alleanza con la Russia», spiega Schmid. «Possono condividere la visione della Russia di un ordine mondiale multipolare, ma non vogliono mettere a repentaglio i propri interessi attraverso contatti eccessivi con uno Stato paria».

Putin è una figura tossica a livello internazionale

Nel frattempo, ai confini della Russia si stanno riaccendendo i vecchi conflitti tra le ex repubbliche sovietiche. Questo indica una generale perdita di importanza per la Russia, che l'Armenia e l'Azerbaigian o il Kirghizistan e il Tagikistan stiano combattendo?

«Finora la Russia è stata il più importante garante della sicurezza nel Caucaso meridionale e nell'Asia centrale. Oggi è chiaro che la stessa Russia si è indebolita e non è più in grado di agire al di fuori dell'Ucraina», analizza e stima Schmid. «I progetti di integrazione di Putin come la Csto o l'Unione economica eurasiatica continueranno a perdere importanza».

Secondo Schmid, Putin è «una figura tossica a livello internazionale. Ogni stato post-sovietico che vuole mantenere buone relazioni con l'Occidente deve tenerne conto». Forse, sospetta l'esperto russo, «Putin non si candiderà più alla presidenza nel 2024 e proporrà un fedele tecnocrate come suo successore».