Arabia Saudita Causa Khashoggi, gli USA vorrebbero l'immunità di bin Salman

SDA

18.11.2022 - 08:30

La nuova carica di primo ministro saudita rende Mohammed bin Salman intoccabile agli occhi degli Usa.
La nuova carica di primo ministro saudita rende Mohammed bin Salman intoccabile agli occhi degli Usa.
Keystone

L'amministrazione Biden ha stabilito che al principe ereditario dell'Arabia Saudita Mohammed bin Salman dovrebbe essere concessa l'immunità nella causa intentata contro di lui dalla fidanzata del giornalista del Washington Post Jamal Khashoggi.

SDA

18.11.2022 - 08:30

L'uomo era stato ucciso nel 2018 nel consolato di Riad a Istanbul. La richiesta è stata avanzata dagli avvocati del Dipartimento di Giustizia su richiesta del Dipartimento di Stato perché bin Salman è stato recentemente nominato primo ministro saudita e, di conseguenza, ha diritto all'immunità in quanto capo di governo straniero. La richiesta è stata presentata nella tarda serata di ieri. Lo riporta la Cnn.

La richiesta è stata presentata poco prima della scadenza del termine fissato dal tribunale per consentire al Dipartimento di Giustizia di esprimere il proprio parere in aula sulla questione dell'immunità e su altre argomentazioni addotte dal principe per ottenere l'archiviazione del processo.

«Mohammed bin Salman, il primo ministro del Regno dell'Arabia Saudita, è il capo del governo in carica e, di conseguenza, è immune da questa causa», si legge nel documento, che definisce l'omicidio «atroce».

La causa di Cengiz

Hatice Cengiz, la fidanzata di Khashoggi, e l'organizzazione per i diritti umani con sede a Washington fondata dal giornalista dissidente ucciso, Dawn, hanno inizialmente intentato una causa contro bin Salman e altre 28 persone nell'ottobre 2020 presso la Corte distrettuale federale di Washington affermando che gli assassini «hanno rapito, legato, drogato, torturato e ucciso» Khashoggi nel consolato saudita di Istanbul.

Poi il corpo è stato smembrato: i resti non sono mai stati ritrovati.

SDA