Kim Jong Un respinge l'offerta statunitense per il dialogo

SDA

30.9.2021 - 08:29

In this photo provided by the North Korean government, North Korean leader Kim Jong Un speaks during a parliament meeting in Pyongyang, North Korea Wednesday, Sept. 29, 2021. Independent journalists were not given access to cover the event depicted in this image distributed by the North Korean government. The content of this image is as provided and cannot be independently verified. (Korean Central News Agency/Korea News Service via AP)
Il leader nordcoreano Kim Jong Un 
KEYSTONE

Il leader nordcoreano ha respinto l'offerta di apertura di un dialogo fatta dagli Stati Uniti, definendola «una facciata per nascondere i loro inganni e i loro atti ostili». Lo riferisce il quotidiano ufficiale nordcoreano Rodong Sinmun.

SDA

30.9.2021 - 08:29

«Dall'avvento della nuova amministrazione Usa, la minaccia militare statunitense e la loro politica ostile nei nostri confronti non sono minimamente cambiate, ma sono diventate più astute», ha detto Kim parlando all'Assemblea Suprema del Popolo.

Le minacce militari e la politica ostile di Washington contro Pyongyang non sono cambiate e sono diventate più delle azioni «astute» da quando la nuova amministrazione di Joe Biden si è insediata all'inizio di quest'anno.

«Gli Stati Uniti rimangono immutati sotto il profilo delle minacce militari e nella ricerca di una politica ostile nei confronti della Corea del Nord, ma impiega modi e metodi più astuti per farlo, come dimostrato dagli atti compiuti negli ultimi otto mesi dall'insediamento della nuova amministrazione», ha aggiunto Kim.

«Gli Usa stanno propagandando «impegno diplomatico» e «dialogo senza precondizioni», ma non è altro che un piccolo trucco per ingannare la comunità internazionale e nascondere i suoi atti ostili e un'estensione della politica ostile perseguita dalle successive amministrazioni statunitensi», ha osservato ancora il leader supremo nel resoconto della Kcna. «Le relazioni internazionali sono state ridotte alla struttura della 'neo-guerra fredda' a causa della politica estera unilaterale e prevenuta degli Stati Uniti», ha osservato Kim, ordinando al suo staff di mettere a punto «misure tattiche per attuare compiutamente la politica strategica verso gli Usa».

SDA