Audizioni sul 6 gennaio

Ecco come ci si sente ad avere contro l'uomo più potente al mondo

Di Philipp Dahm

23.6.2022

Nella quarta riunione della commissione che sta rivedendo gli avvenimenti del 6 gennaio 2021, sono state messe sotto i riflettori in particolare due operatrici elettorali: Shaye Moss e sua madre, che erano state accusate di frode elettorale da Trump, con pesanti conseguenze.

Di Philipp Dahm

23.6.2022

«So che gli eventi di cui parliamo oggi sono estremamente difficili da rivivere», introduce il democratico Adam Schiff, rivolto a Shaye Moss. «Il suo onorato servizio di scrutatrice è cambiato radicalmente quando Rudy Giuliani ha pubblicato questo video».

Il filmato mostra la donna che conta i voti insieme a sua madre Ruby Freeman nella Contea di Fluton, in Georgia, la sera delle elezioni. «Il presidente Trump, Rudy Giuliani e altri hanno sostenuto, a causa di questo video, che lei e sua madre eravate in qualche modo coinvolte in un piano per escludere gli osservatori dei sondaggi, portare valigie piene di schede false per Joe Biden e farle passare più volte attraverso la macchina per il voto».

«Molte minacce. Minacce di morte»: Shaye Moss all'udienza di Washington.
Screenshot: YouTube

Benvenuti alle udienze su quanto accaduto il 6 gennaio 2021. Nel quarto giorno di riunione della commissione d'inchiesta, la questione diventa personale. Cosa hanno provato i «pesci piccoli» che sono stati presi di mira da Donald Trump e citati per nome dall'ex presidente in relazione alle elezioni?

Shaye Moss può dire qualcosa al riguardo: la volontaria è stata pubblicamente indicata dal team di Trump come una dei responsabili della sconfitta repubblicana. «Ruby Freeman, Shaye Freeman Moss e un altro signore stavano chiaramente passando di nascosto delle chiavette USB, come se fossero fiale di eroina o cocaina».

«Ha un impatto anche su mia madre. Sono la sua unica figlia»

Lo sguardo di Shaye Moss è fisso mentre la registrazione audio viene riprodotta. «Voglio dire: questo è il nostro Stato! È ovvio per chiunque sia un investigatore o un pubblico ministero: sono coinvolte in attività clandestine e illegali». Moss abbassa lo sguardo mentre Giuliani inveisce su come la donna possa ancora camminare in libertà dopo una settimana. «Il suo posto di lavoro, la sua casa avrebbero dovuto essere perquisiti».

«Falsificatrice e truffatrice professionista di schede elettorali»: Donald Trump gesticola a Des Moines, Iowa, nell'ottobre 2021.
EPA

Come ha fatto la stessa Moss a venire a sapere di ciò di cui l'avvocato di Trump la stava accusando? «Stavo lavorando come al solito», sospira la testimone. Il suo capo l'ha convocata. «Mi hanno mostrato un video sul computer. È così che l'ho scoperto». Ha detto di essersi chiesta cosa stesse succedendo. Il suo datore di lavoro le ha segnalato le minacce online e le ha consigliato di prendersi cura della madre.

Il suo capo ha detto che era particolarmente bersagliata su Facebook. Moss aveva un account, ma lo usava raramente. Lo ha cercato. «A questo punto ero un po' nel panico. Non mi era mai capitata una cosa del genere prima, e colpiva anche mia madre. Sono la sua unica figlia». Ha aperto Facebook Messenger: «C'erano molte cose orribili».

«Falsificatrice e truffatorice professionista di schede elettorali»

«Anche le minacce?», chiede Schiff. «Sì, molte minacce. Minacce di morte. Mi dissero che sarei finita in prigione con mia madre. Hanno detto cose come: «Sii contenta che siamo nel 2020 e non nel 1920». Perché allora l'avrebbero semplicemente linciata. Ci sono stati molti commenti razzisti e pieni di odio, afferma Moss. Cosa le ha dato la madre, che si può vedere nel video? «Un dolce», dice la testimone.

Trump e compagnia hanno espresso il loro giudizio sulle donne, come dimostra la registrazione di una chiamata al funzionario elettorale della Georgia. «Abbiamo almeno 18.000 [voti falsi]», si sente dire Trump, «li abbiamo in video, li abbiamo fatti contare. Questo a causa di Ruby Freeman, una falsificatrice di schede elettorali. Una falsificatrice di voti professionista e una truffatrice».

Secondo quanto riferito da Schiff, Trump l'ha nominata 18 volte nel corso della telefonata. Come si sente Moss a sentire Trump parlare così? «È una sensazione terribile». La sua voce trema leggermente. «Pensavo che fosse tutta colpa mia. Vorrei non essere mai diventata un'operatrice elettorale. Avrei potuto fare qualsiasi cosa, ma l'ho fatto. E ora la gente mente e attacca mia madre. Vanno a casa di mia nonna, e mi sono sentita così male per mio figlio».

I repubblicani della Georgia si oppongono a Trump

Ha detto di essersi maledetta per essere stata quella che voleva sempre aiutare. «Sentivo che era colpa mia se la mia famiglia si trovava in questa situazione», ripete. Che l'addetta alle elezioni e sua madre non avessero colpa lo assicura Gabriel Sterling nel quarto giorno di udienza: che il repubblicano della Georgia non sia dalla parte dei democratici non c'è bisogno di dirlo.

Lo stesso vale per Brad Raffensperger, direttore elettorale della Georgia. Anche lui è un repubblicano: il 67enne sperava infatti che Donald Trump vincesse le elezioni. Lo scrutinio si è svolto «in modo straordinariamente regolare». Dal punto di vista amministrativo, la giornata elettorale è stata un successo, ha dichiarato Raffensperger.

Biden ha vinto in Georgia con un margine di poco meno di 12.000 voti, continua il politico. Poiché il risultato era così al limite, tutti i voti sono stati contati di nuovo a mano e poi una terza volta.

La reazione: una telefonata di Trump, il cui contenuto da far rizzare i capelli sarebbe di per sé una prova sufficiente del fatto che non sono stati i vincitori delle elezioni ma i perdenti a voler manipolare la volontà del popolo.