Addio al diktat dei prezzi

Ecco come gli Stati baltici si sono sbarazzati del gas di Mosca

phi

14.4.2022

Un terminale galleggiante di gas: l'Independence nel marzo 2018 nel porto di Klaipeda.
Commons/AB Klaipėdos Nafta

All'inizio del 2014, i Paesi baltici erano ancora totalmente dipendenti dal gas russo. Ma grazie a dei nuovi gasdotti, a delle navi e a dei magazzini specializzati, Stati come la Lituania sono stati in grado di tagliare del tutto le forniture di gas provenienti da Mosca.

phi

14.4.2022

Quando la Russia ha invaso l'Ucraina per la prima volta, nel 2014, è stato un segnale di allarme per i Paesi baltici: per esercitare la minor pressione possibile su Mosca, la Lituania ha pensato al suo approvvigionamento energetico.

Il risultato: l'Independence è nel porto di Klaipeda da otto anni. Il nome della nave dice tutto: si tratta di una Floating Storage and Regasification Unit in grado di liquefare il gas naturale alias Liquified Natural Gas (LNG), raffreddandolo fino a -160 gradi e riscaldandolo quando è necessario.

I Paesi baltici diventano indipendenti

Prima che l'Independence attraccasse in Lituania, tutto il gas proveniva dalla Russia e il gruppo Gazprom ha approfittato della situazione per un «diktat dei prezzi», scrive la «NZZ». Noleggiare la nave era in realtà troppo costoso per un paese come la Lituania, perché l'Independence copre facilmente il fabbisogno annuale di 2,5 miliardi di metri cubi di gas. Gestisce addirittura 4 miliardi di metri cubi.

L'Independence arriva in Lituania nel 2014.
Commons/MasiulisJonas1

D'altra parte, l'investimento ha dato i suoi frutti perché la Russia ha dovuto abbassare nuovamente i prezzi. A maggio la Lituania ha stabilito anche un collegamento con la rete del gas polacca e quindi con la rete del gas dell'Europa centrale, che aumenta ulteriormente l'indipendenza energetica. All'inizio di aprile, Vilnius ha potuto permettersi di dichiarare che avrebbe completamente rinunciato alle importazioni di gas dalla Russia.

La Lettonia ha costruito un enorme impianto di stoccaggio sotterraneo di gas naturale a Incukalns per essere preparato alle fluttuazioni dei prezzi e al congelamento delle esportazioni. Le forniture dureranno fino alla fine dell'estate, spiega la «NZZ». Il gasdotto Baltic Connector è stato installato insieme a Estonia e Finlandia, offrendo per la prima volta a Helsinki un'alternativa al gas russo.

Ecco come viene immagazzinato il gas in Lettonia.
Comexus

Cercasi collocazione per il terminale LNG nei Paesi baltici

Il problema: l'Independence non può soddisfare i bisogni di tutti questi Stati. L'Estonia ha quindi in programma di piazzare una nave del genere a Paldiski dall'autunno. Anche la Finlandia vuole costruire un molo simile a Inkoo: una seconda Independence potrebbe quindi ancorare in Estonia o Finlandia, a seconda delle esigenze.

Poiché tali navi sono così richieste, la Lituania vuole acquistare l'Independence quando il contratto di locazione scadrà nel 2024. L'UE finanzierebbe anche un terminale LNG se i Paesi baltici e la Finlandia concordassero su dove collocarlo, perché un impianto deve essere sufficiente per tutti.

L'Estonia vorrebbe costruire un terminale a Paldiski, in Lettonia, nella baia di Riga, dove sarebbe possibile anche il collegamento all'impianto di stoccaggio lettone di Inkukalns.

Con l'invasione della Russia, i progetti sono ora più che mai sotto pressione.