Guerra

Ecco cosa significa la svolta dei carri armati per l'Ucraina e l'Occidente

dpa/uri

12.1.2023

Bassa Sassonia, Munster: un veicolo da combattimento di fanteria Marder della Bundeswehr attraversa un'area di addestramento durante un'esercitazione informativa.
Bassa Sassonia, Munster: un veicolo da combattimento di fanteria Marder della Bundeswehr attraversa un'area di addestramento durante un'esercitazione informativa.
KEYSTONE

Kiev ha ripetutamente chiesto agli alleati occidentali mezzi militari, senza però ottenerli. Almeno finora, perché la settimana scorsa Stati Uniti e Germania hanno invece promesso veicoli da combattimento per la fanteria e la Francia vuole fornire carri armati leggeri. È una pietra miliare.

dpa/uri

12.1.2023

Dopo un lungo dibattito, l'Ucraina otterrà i tanto richiesti carri armati occidentali: Kiev riceverà i veicoli da combattimento di fanteria tedeschi Marder e i carri armati Bradley dalle scorte statunitensi. La Francia ha invece annunciato la consegna di carri armati leggeri da combattimento AMX-10 RC.

Gli Stati della NATO non hanno ancora soddisfatto la richiesta di Kiev per tali armi. Soprattutto il Governo tedesco era visto come un ostacolo, perché voleva evitare di essere coinvolto nella guerra.

Ecco perché alcuni parlano addirittura di una rottura del tabù da parte di Berlino in merito all'annunciata consegna dei Marder: ma non è affatto la fine del dibattito sulle forniture di armi all'Ucraina.

Ora c'è almeno una risposta parziale: la consegna dei carri armati fa parte di un'azione concertata con gli Stati Uniti e la Francia, con cui gli Stati della NATO stanno soddisfacendo la richiesta urgente dell'Ucraina. Tuttavia, con le donazioni che sono state fatte, la domanda non è stata ancora del tutto  accontentata.

Perché la decisione è arrivata solo ora?

Dopo l'attacco russo all'Ucraina, gli alleati della NATO si erano inizialmente affidati alla consegna di carri armati e veicoli da combattimento di fanteria di progettazione sovietica che alcuni Stati dell'Europa orientale ancora possedevano. Il motivo: non era necessario alcun addestramento aggiuntivo per gli ucraini e i carri armati erano immediatamente pronti all'uso.

Secondo Berlino, il concetto ora ha raggiunto i suoi limiti. I carri armati sono stati distrutti, le munizioni si stanno esaurendo. Inoltre, c'è da temere che in primavera i combattimenti si intensifichino nuovamente, ha dichiarato venerdì il portavoce del Governo tedesco Steffen Hebestreit.

Da qualche tempo, la Russia sta spostando ulteriori armi nella zona di guerra, mossa che gli esperti militari occidentali percepiscono come preparazione per una nuova offensiva russa.

Cosa portano i carri armati in Ucraina?

Il Marder tedesco è stato sviluppato per la Bundeswehr più di 50 anni fa ed è quindi, come i carri armati di Stati Uniti e Francia, un equipaggiamento della Guerra Fredda. Tuttavia, sono stati modernizzati più volte e possono essere un aiuto importante in questa situazione.

Al fronte, ad esempio, i Marder tedeschi rendono le truppe più flessibili consentendo il trasporto blindato dei soldati. Allo stesso tempo, la consegna di questo sistema d'arma occidentale invia un messaggio alle truppe. Nella battaglia materiale contro la Russia, l'Occidente sta segnalando: «Possiamo fornire di più».

L'ambasciatore ucraino in Germania, Oleksii Makeiev, ha ringraziato l'Esecutivo tedesco in un'intervista rilasciata sabato e ha dichiarato: «Le nostre forze di terra beneficeranno enormemente del veicolo da combattimento di fanteria Marder. Così, la difesa ucraina in cielo e a terra si sta chiudendo».

La decisione è stata coordinata?

Il cancelliere tedesco Scholz ha sempre sottolineato che non si può andare da soli quando si tratta di carri armati. È stato all'altezza di questa affermazione. La decisione è stata preparata e coordinata con gli Stati Uniti e la Francia per diverse settimane. Tuttavia, l'annuncio non è stato particolarmente ben coordinato.

Mercoledì il presidente francese Emmanuel Macron ha promesso al suo omologo ucraino Volodymyr Zelensky la consegna di veicoli blindati da ricognizione pesantemente armati. Solo un giorno dopo Scholz e Biden hanno annunciato la consegna dei veicoli da combattimento di fanteria Marder e Bradley.

Il portavoce del governo Hebestreit non vede alcun problema in questo: il fatto che ci sia o meno un divario di qualche ora nella comunicazione è «in ultima analisi» una questione marginale.

Perché Berlino invia anche i sistemi Patriot?

L'annuncio è una sorpresa. Dopo che gli Stati Uniti hanno deciso, prima di Natale, di fornire batterie di Patriot per la difesa aerea, la Germania ha inizialmente dichiarato: «Non abbiamo più capacità». Ora la Bundeswehr può fare ancora a meno di uno dei sistemi prodotti negli Stati Uniti, anche se ha a disposizione solo 12 dei 36 che aveva un tempo e circa la metà di essi sono nell'industria per l'aggiornamento tecnico.

Il tenente generale Ingo Gerhartz, capo di Stato maggiore dell'aeronautica tedesca, descrive il trasferimento dei sistemi missilistici e il previsto addestramento rapido degli ucraini come un necessario «tour de force» per le truppe: «Ma deve essere fatto in questi tempi speciali».

Gli Stati della NATO stanno diventando parte in causa nella guerra?

I politici della coalizione governativa tedesca sottolineano ripetutamente che, secondo la comprensione giuridica internazionale, la Germania e gli altri alleati non diventano parte della guerra con la fornitura di armi. Per Scholz, la priorità assoluta è quella di non essere coinvolti nella guerra.

Mosca, invece, sostiene da mesi che la NATO è già parte in causa nel conflitto in Ucraina. Da un lato, questa dichiarazione serve a scopi di politica interna, per spiegare il disastro dell'invasione russa dell'Ucraina alla propria popolazione, dall'altro, porta con sé la minaccia di politica estera di un'escalation del conflitto in caso di superamento delle «linee rosse». Tuttavia, le «linee rosse» si sono già spostate più volte.

Come reagisce Mosca all'impegno dei carri armati?

Il Cremlino stesso non ha reagito in un primo momento. Ciò era probabilmente dovuto al fatto che la Russia stava per celebrare il Natale ortodosso. Il briefing quotidiano del portavoce del Cremlino Dmitry Peskov non ha quindi avuto luogo venerdì. L'ambasciata russa a Berlino, tuttavia, ha dichiarato che la Germania stava superando una linea morale con le consegne Marder, cosa che non aveva il diritto di fare alla luce dei crimini commessi dai nazionalsocialisti.

L'Ucraina riceverà presto carri armati principali?

I moderni carri armati occidentali sono molto meglio armati e più protetti dagli attacchi rispetto ai veicoli da combattimento per la fanteria Marder e Bradley. Possono quindi confrontarsi direttamente con i carri armati russi («capacità di duello»). L'Ucraina spera quindi che i Paesi della NATO rafforzino le loro capacità offensive con carri armati Leopard (Germania), M1 Abrams (USA) o Leclerc (Francia).

Si tratta di una decisione politica che dipende non da ultimo dal via libera della Germania. Alcuni Paesi come la Finlandia e la Spagna hanno ancora in magazzino modelli più vecchi come il Leopard 2A4. Ci sono già segnali isolati che indicano che questi Stati potrebbero aderire a un'iniziativa congiunta con la Germania. Il governo tedesco sta ancora trattenendo un passo del genere, ma la pressione sta aumentando anche all'interno dei suoi stessi ranghi.

Secondo un'anticipazione della Funke Mediengruppe, i vicepresidenti del Bundestag tedesco, Katrin Göring-Eckardt (Verdi) e Wolfgang Kubicki (FDP), stanno già spingendo per la consegna di carri armati tedeschi Leopard all'Ucraina. «Fermarsi all'impegno per i veicoli da combattimento di fanteria Marder sarebbe sbagliato», ha detto Göring-Eckardt nel rapporto preliminare. E: «Dovremmo fare e consegnare tutto il possibile. Questo include anche i carri armati Leopard».

Cos'altro vuole Kiev?

Il vice ministro degli Esteri ucraino ed ex ambasciatore in Germania, Andrij Melnyk, ha ripetutamente chiesto la consegna di aerei da combattimento o navi da guerra all'Ucraina. Il politologo tedesco Carlo Masala ritiene che almeno i caccia MiG-29 di progettazione sovietica sarebbero utili. «Questo è esattamente l'equipaggiamento di cui l'Ucraina ha urgentemente bisogno in questa fase della guerra».

Nel caso delle navi, invece, è difficile vedere un beneficio immediato. D'altra parte, ciò che si è già dimostrato un successo: missili o droni galleggianti in grado di distruggere le navi russe al largo delle coste ucraine del Mar Nero.