Ucraina

Ecco perché certi russi possono criticare Putin impunemente

mmi

12.1.2023

Il presidente russo Vladimir Putin.
Il presidente russo Vladimir Putin.
KEYSTONE

Dopo una delle notti più sanguinose per l'esercito russo di una settimana fa, il Cremlino e la sua condotta di guerra sono stati duramente criticati, pure da alcuni all'interno dei suoi stessi ranghi.

mmi

12.1.2023

Dopo quelli che sono stati probabilmente i più micidiali attacchi ucraini all'esercito di Mosca all'inizio dell'anno a Makiivka, nel Donbass, costati la vita ad almeno 89 soldati russi, il leader del Cremlino Putin sta affrontando un vento di difficoltà, anche all'interno dei suoi stessi ranghi.

Deputati del Cremlino e blogger di guerra filo-putiniani accusano i vertici militari russi di aver fallito.

In un'intervista televisiva su un'emittente russa, pubblicata su YouTube, il nazionalista Igor Girkin, meglio conosciuto con il suo nome di battaglia Strelkov, ha sferrato un attacco frontale, riferisce SRF. Il blogger militare ha rilasciato dichiarazioni come: «Se il governo continua così, ci saranno rivolte», «Il governo sta rovinando se stesso e con esso l'intero Paese» o «La testa del pesce è completamente marcia».

Anche alcuni parlamentari russi hanno espresso le loro opinioni via Telegram. Secondo Andrei Medvedev, è «pericoloso e criminale» prendere in giro il nemico nel decimo mese di guerra, riporta il «Tages-Anzeiger».

Si riferisce alla disfatta della notte di Capodanno, in cui, secondo i rapporti russi, 89 soldati sono stati uccisi da quattro missili ucraini. Fonti di Kiev hanno invece parlato di addirittura 400 coscritti russi morti nell'attacco.

Anche per altri membri dell'esercito di Mosca è stato un errore grossolano e negligente collocare centinaia di persone nello stesso edificio, proprio accanto a un deposito di munizioni e permettere loro di usare quasi simultaneamente il cellulare, rendendo più facile per l'esercito ucraino localizzare il bersaglio.

Chi pronuncia pubblicamente critiche così aspre alla cosiddetta operazione speciale in Ucraina di solito finsce in prigione o in esilio.

Molti la pensano come Girkin

Ma nel caso dell'ex agente dei servizi segreti e blogger militare Igor Girkin, secondo gli esperti, l'esito sarà probabilmente diverso.

Il governo russo ha interesse a mettere a tacere i blogger nazionalisti come Girkin, afferma Mark Galeotti, politologo ed esperto di servizi segreti russi, in risposta a una domanda di SRF.

Tuttavia, Putin non sta prendendo provvedimenti contro queste prese di posizione per il momento perché molti nell'esercito e nei servizi segreti la pensano allo stesso modo, spiega Galeotti.

Il Cremlino non rimuove Girkin perché non vuole irritare queste persone. Perché?  «È proprio su queste persone che Putin fa affidamento per rimanere al potere», dice Galeotti.

Per i critici Putin non si spinge abbastanza avanti

Igor Girkin è un ammiratore sia del terrore staliniano che dell'impero zarista. Nega all'Ucraina il diritto di esistere, ed è per questo che non critica la guerra di aggressione. Tuttavia, per lui il Cremlino non si spinge abbastanza lontano. Secondo gli esperti, questo modo di pensare è profondamente radicato nei servizi segreti russi (KGB).

Ed è proprio per questo che i recenti avvenimenti potrebbero rappresentare un problema per Putin. Infatti, con i successi di guerra, Putin spera di avere di nuovo dietro di sé persone come Girkin. Il fallimento dei vertici militari russi dà ragione a Girkin e alle sue critiche, che a loro volta spingono il governo a intraprendere azioni più radicali in Ucraina.

Se e quanto Girkin e le persone che la pensano come lui sosterranno ancora Putin sarà probabilmente deciso in prima linea.