Seduti su una polveriera

Ecco perché la torretta dei carri armati russi vola via così spesso

uri

30.4.2022

A man rides his bicycle next to a destroyed Russian tank in Chernihiv, Ukraine, on Thursday, April 21, 2022. (AP Photo/Emilio Morenatti)
Un uomo in bicicletta accanto a un carro armato russo distrutto a Chernihiv in Ucraina, giovedì 21 aprile 2022.
KEYSTONE/AP Photo/Emilio Morenatti

Carri armati russi letteralmente «decapitati», con la torretta fatta saltare in aria: un'immagine ricorrente nella guerra in Ucraina. La ragione del fenomeno non deriva però solo dalla capacità di tiro dei soldati ucraini.

uri

30.4.2022

Le perdite russe in Ucraina sono elevate. Secondo le stime del quotidiano online ucraino «The Kyiv Independent», sono stati uccisi o feriti nella guerra in corso più di 20.000 dal 24 febbraio e sono stati distrutti 838 carri armati.

Sebbene le informazioni fornite dalla fonte non possano essere verificate, colpiscono le numerose immagini di carri armati russi completamente distrutti in Ucraina. E qui un dettaglio in particolare salta all'occhio: la torretta del carro arrugginito viene spesso spazzata via e si ritrova a qualche metro di distanza.

Ad essere responsabile in gran parte di questo importante danno ai veivoli da combattimento russi è una caratteristica tecnica che originariamente doveva dare loro un vantaggio.

Già sviluppato in epoca sovietica

I carri armati T-72 e T-80, usati frequentemente in Ucraina, furono sviluppati in epoca sovietica e da allora sono stati spesso modificati. Ciò che possiedono in comune è che hanno un sistema di caricamento automatico per i loro cannoni, che non solo li rende più piccoli e leggeri, ma riduce anche l'equipaggio a tre uomini perché non è più necessario un caricatore.

Inoltre, il T-72, in produzione dal 1972, può sparare circa ogni tre secondi da un caricatore da 44 colpi grazie al suo sistema di caricamento automatico. Con altri serbatoi, ci vuole molto più tempo perché il caricatore deve venire ricaricato manualmente, come riporta lo «Spiegel».

epa09886379 A man looks on the debris of a destroyed Russian tank in Bohdanivka village, Kyiv area, Ukraine, 12 April 2022. Some cities and villages have recently been recaptured by the Ukrainian army from Russian forces withdrawing, and now people try to restore normal life there. On 24 February Russian troops had entered Ukrainian territory resulting in fighting and destruction in the country, a huge flow of refugees, and multiple sanctions against Russia. EPA/SERGEY DOLZHENKO
Un uomo guarda la torretta di un carro armato russo esploso nella regione di Kiev a metà aprile. 
KEYSTONE/EPA/SERGEY DOLZHENKO

Tuttavia, l'innovazione tecnica dell'era della Guerra Fredda ha un grosso svantaggio: nei carri armati, il comandante e l'artigliere siedono nella torretta direttamente sopra le munizioni, mentre l'autista ha la giostra di carico dietro di sé.

Se l'armatura viene penetrata da comuni armi anticarro, le conseguenze per l'equipaggio sono devastanti. «Praticamente l'equipaggio è letteralmente seduto su una polveriera», riassume sinteticamente lo storico militare Ralf Raths del Panzer Museum di Munster.

Chiunque sieda nel carro armato non ha chances di vita

Dopo aver sparato con successo, spesso le munizioni nel serbatoio esplodono. Secondo lo «Spiegel», la forza della detonazione a volte è così violenta che la torretta «si libera dall'anello nello scafo del serbatoio e vola via». In tal caso, l'equipaggio nel carro armato non ha quasi nessuna possibilità di sopravvivere.

I carri armati occidentali, invece, sono costruiti in modo diverso perché hanno priorità diverse. Oltre alla massima protezione possibile per l'equipaggio, si tratta anche di poterli riparare il più rapidamente e facilmente possibile. D'altra parte da una prospettiva storica la dottrina militare russa si basa sulla produzione di massa a buon mercato e sulla superiorità quantitativa sul campo di battaglia, sottolinea lo «Spiegel».

Tuttavia, come parte del suo ambizioso programma di armamenti, la Russia sta anche pianificando una migliore protezione per l'equipaggio dei carri armati. Nel più moderno carro armato russo, il T-14 Armata, in fase di sviluppo dal 2010, il sistema di caricamento automatico sarà probabilmente cambiato a favore della sicurezza, lo precisa lo «Spiegel».

Sul nuovo modello la torretta non è più presidiata e l'equipaggio si trova in una capsula corazzata. Ma è ancora un mistero su quando il modello – che si dice costerà l'equivalente di circa 7,3 milioni di franchi per unità – sarà messo in servizio.

FILE -A Russian tank destroyed in recent fighting is seen on a road to Kyiv, Ukraine, Friday, April 15, 2022. (AP Photo/Efrem Lukatsky, File)
Sulla strada per Kiev si trovano i rottami di un carro armato russo, senza torretta.
KEYSTONE