Francia

Francia: al via il maxi-processo per gli attentati del 13 novembre

SDA

8.9.2021 - 11:07

Decine di agenti sono arrivate stamattina al Palazzo di Giustizia in cui sta per aprirsi il processo per gli attentati di quasi sei anni fa.
Decine di agenti sono arrivate stamattina al Palazzo di Giustizia in cui sta per aprirsi il processo per gli attentati di quasi sei anni fa.
Keystone

Si apre oggi a Parigi il maxi-processo per gli attentati del 13 novembre 2015 che causarono 130 morti e oltre 350 feriti tra lo Stade de France, i locali del centro della capitale francese e il Bataclan.

SDA

8.9.2021 - 11:07

Intervistato da BFM-TV, il ministro francese della giustizia, Eric Dupond-Moretti, ha affermato che «il mondo intero ci guarda» e che oggi c'è una doppia sfida: rendere giustizia «in conformità con le nostre regole secolari ed essere all'altezza da un punto di vista logistico». «Ciò che fa la differenza tra una civiltà e la barbarie sono le regole del diritto», ha aggiunto il ministro.

Filmato per la Storia, quello che si apre oggi alle 12.30 a Parigi è il processo di tutti i record. Dovrebbe durare nove mesi, una durata senza precedenti per la Francia. Almeno 1'800 le parti civili. Circa 550 persone prenderanno posto in una sala specialmente adibita nello storico Palazzo di Giustizia sull'Île de la Cité, nel cuore della capitale, sotto un'ingente protezione di polizia.

Secondo l'ex procuratore di Parigi François Molins, il processo deve permettere, in particolare, «alle famiglie delle vittime di capire ciò che è successo» e di «costruire una memoria collettiva ribadendo i valori di umanità e dignità della società nella quale viviamo», ha spiegato all'emittente radio RTL.

Tra i principali imputati Salah Abdeslam, il trentunenne franco-marocchino unico terrorista superstite del 13/11, trasferito questa mattina in condizioni di massima sicurezza dal carcere di Fleur-Mérogis.

In totale sono una ventina gli imputati coinvolti, in diversa misura, nella preparazione degli attentati jihadisti. Dieci di loro saranno nei box al fianco di Abdeslam, tre altri, sotto controllo giudiziario, compariranno liberi.

Sei altri verranno invece giudicati in assenza, tra cui il veterano jihadista Oussama Atar e le «voci» francesi di rivendicazione dell'Isis, i fratelli Fabien e Jean-Michel Clain, tutti e tre dati per morti in Siria.

SDA