L'ultimo saluto al principe Filippo

SDA

17.4.2021 - 19:46

Il Regno Unito si è fermato per un minuto all'inizio del funerale del Principe Filippo, marito della Regina Elisabetta II. La cerimonia privata, breve, sobria e curata nei minimi dettagli, è stata trasmessa in diretta TV in tutto il mondo. Molti gli omaggi, da quelli floreali di Meghan Markle, moglie di Harry, ai messaggi di Boris Johnson e del fratello di Diana. 

SDA

17.4.2021 - 19:46

Regno Unito in silenzio per un minuto alle 15.00 locali (le 16.00 in Svizzera), dopo i fischi tradizionali dei reparti della Marina, in contemporanea con l'avvio delle esequie del principe Filippo, consorte della regina Elisabetta per 73 anni, morto 99enne venerdì.

Il corteo funebre per le esequie del principe consorte Filippo è iniziato con il feretro che è stato caricato su una Land Rover modificata ad hoc su progetto dello stesso duca di Edimburgo, con le sue insegne di veterano della Royal Navy.

È stato seguito in processione – nel breve tragitto fra il Castello di Windsor e l'annessa cappella di St George – dall'erede al trono Carlo, dalla principessa Anna e dagli altri due figli della coppia reale, nonché da alcuni nipoti (inclusi William e Harry, distanziati fra loro) e da un genero. 

I funerali, nella cappella di St George, sono stati celebrati dall'arcivescovo anglicano di Canterbury, Justin Welby, e dal rettore delle chiese di Windsor, David Connor, alla presenza d'una trentina di persone all'interno (tutti con mascherine) e di alcune altre decine con i reparti militari d'onore all'esterno, causa restrizioni Covid.

La regina Elisabetta, arrivata alla cappella St. George su una Bentley, è rimasta da sola al primo banco.

I funerali di Filippo, il dolore della Regina

I funerali di Filippo, il dolore della Regina

La Regina, tutta la sua famiglia, e l'intero Paese in silenzio alle esequie del principe Filippo, consorte di Elisabetta II per oltre 73 anni, morto 99enne venerdì 9 aprile nel castello di Windsor.

17.04.2021

Fine della cerimonia in musica

Le note della musica che segnano il richiamo al servizio dei marinai nella Royal Navy britannica hanno suggellato la conclusione dei funerali prima della ripetizione dell'inno nazionale britannico da parte del piccolo coro di cantori della chiesa seguito in piedi da tutti i presenti.

Quindi i concelebranti sono usciti dalla cappella con al fianco la regina, con a seguire il principe Carlo, gli altri figli della coppia reale e tutti gli altri ospiti presenti: inclusi i nipoti William e Harry, figli di Carlo e Diana, lasciati in secondo piano durante la cerimonia, posti secondo il protocollo previsto uno di fronte all'altro, a distanza, lungo i due banchi della navata.

William e Harry insieme

Fra le ultime note musicali, anche quella di una cornamusa suonata da un militare dei reparti d'onore scozzese in kilt, a testimonianza dell'amore per la Scozia – e per la residenza estiva di Balmoral – che accomunava il duca di Edimburgo e la regina: la quale non ha caso ha scelto una foto di coppia scattata in terra scozzese per ricordare in queste ore il consorte sul profilo social di Buckingham Palalce.

Alla fine della cerimonia per il funerale del nonno, durante la quale sono rimasti separati, William e Harry si sono avvicinati e parlati, il più giovane levandosi la mascherina. Dalle immagini in diretta mostrate alla televisione si vedono i due principi che escono dalla cappella di St. George insieme e scambiano qualche parola camminando. Con loro anche Kate, come ai vecchi tempi.

Da Meghan una corona di fiori piena di simboli

Meghan Markle non c'era al funerale ma il suo messaggio è arrivato con i fiori: la corona inviata con il marito Harry al castello di Windsor ha reso omaggio con il linguaggio delle piante alla vita del principe: dall'acanto, il fiore nazionale della Grecia a rappresentarne le origini nelle famiglie reali estranee al Regno Unito.

C'era poi l'eringio marino (una specie di cardo che cresce sulle coste dell'Atlantico orientale), a rappresentare il suo servizio con i Royal Marines. E poi la campanula, simbolo di gratitudine e amore eterno, il rosmarino della rimembranza, la lavanda della devozione e infine le rose, a ricordare che in giugno Filippo avrebbe compiuto cento anni.

L'omaggio di Boris Johnson e del fratello di Diana

Sono tanti i britannici, celebri e non, che hanno osservato il minuto di silenzio in memoria del principe consorte Filippo coincisa con il via al funerale odierno.

Tra loro, personalità di governo come il premier Tory, Boris Johnson, che ha rinunciato al suo posto alle esequie per lasciar spazio ai familiari sullo sfondo delle restrizioni Covid, ma che ha seguito la cerimonia in tv dalla residenza di campagna di Chequers e ha poi twittato una propria foto a capo chino e in abito nero a lutto accompagnata da una semplice epigrafe: «In Memoriam HRH The Prince Philip, Duke of Edinburgh, 1921-2021».

Analoghi tributi sono fra gli altri venuti dai vertici militari del Regno, dal ministro della Difesa, Ben Wallace, e soprattutto dal conte Charles Spencer, fratello di Diana, apparentemente riappacificato con la dinastia dei Windsor dopo le tensioni che segnarono il funerali di Lady D in occasione della sua tragica morte nel 1997; anche Spencer ha diffuso un tweet a proposito dell'ultimo saluto a Filippo: «Mio Dio – vi si legge – che cerimonia incredibilmente toccante!».