«Passaporti d'oro» per gli oligarchi

I ciprioti che vivono a Zugo provengono spesso dalla Russia

tafi

26.4.2022

Per molti anni, i russi benestanti hanno potuto comprare la cittadinanza europea a Cipro. Questo ha facilitato il loro insediamento in Svizzera, cosa che è particolarmente evidente nel Canton Zugo.

Per anni, il governo di Cipro ha venduto agli stranieri ricchi un «passaporto d'oro» in cambio di investimenti nel Paese. (Immagine simbolica)
Keystone

tafi

26.4.2022

Per anni, chi era abbastanza ricco ha potuto facilmente comprare da alcuni Stati un passaporto dell'Unione Europea. Cipro, ad esempio, fino al 2020 ha attirato gli stranieri sull'isola grazie a un programma di investimenti. Chi portava con sé abbastanza denaro riceveva un «passaporto d'oro».

Anche molti russi hanno approfittato di questa opportunità per comprare la cittadinanza UE in Paesi come Cipro o Malta. Il primo in particolare era considerato una delle destinazioni preferite dei russi abbienti: molti oligarchi sono diventati ufficialmente ciprioti, prima che il programma fosse interrotto nel 2020 sotto le pressioni dell'Unione Europea.

I ciprioti beneficiano naturalmente della libertà di movimento e di viaggio all'interno dell'Unione Europea. Inoltre, un passaporto europeo rende anche più facile, potenzialmente, stabilirsi in Svizzera e beneficiare dell'imposta forfettaria per i cittadini dell'Unione. Nel Canton Zugo, ad esempio.

La maggior parte dei ciprioti a Zugo sono in realtà russi

La voce si è diffusa in Russia, come ha rivelato una ricerca del giornale online «Zentralplus». Il numero di ciprioti nel Canton Zugo è aumentato in modo sproporzionato tra il 2006 e il 2020: se nel 2006 si registrava un solo cittadino cipriota residente nel Cantone, nel 2020 se ne indicavano 73. Il numero è salito soprattutto dal 2015, dopo l'annessione russa della Crimea. Lo dimostrano le statistiche ufficiali del Cantone. 

Secondo Zentralplus, l'aumento, che si nota anche tra i cittadini dell'Unione provenienti da altri Paesi con le stesse regole di passaporto, ha fatto riflettere il consigliere cantonale Luzian Franzini. Ha chiesto così al Governo «quante delle persone che hanno un passaporto di uno di questi Paesi sono nate in Russia».

La maggioranza lo è: dei 73 ciprioti, 41 hanno indicato la Russia come Paese di nascita, e, di quelli con passaporto maltese, 23 su 32. «A causa della tassazione bassa e delle numerose aziende di materie prime, Zugo è naturalmente un luogo popolare per milionari e miliardari di origine russa che hanno acquistato un passaporto europeo», afferma Franzini. E aggiunge: «È importante che venga controllato se queste persone hanno un collegamento con Putin».

A Zugo nessun oligarca è stato sanzionato

Recentemente, l'amministrazione fiscale di Zugo è stata ingiustamente criticata, accusata di non aver cercato abbastanza coscienziosamente il denaro degli oligarchi sanzionati. «Il Cantone sostiene senza riserve tutte le sanzioni ordinate dal Governo e le misure necessarie per attuarle», ha annunciato recentemente Heinz Tännler, direttore delle finanze della regione, in un comunicato stampa.

La lista delle sanzioni dell'Unione Europea era stata controllata «con notevole sforzo». Il risultato: non ci sono stati riscontri né su persone fisiche né su persone giuridiche. In parole povere: nessun oligarca russo sanzionato vive nel Canton Zugo.

Zugo non esaminerà più da vicino le aziende cipriote

Bernhard Neidhart, capo dell'ufficio dell'economia e del lavoro di Zugo, ritiene che la questione dell'insediamento di persone binazionali - per esempio russi con un passaporto cipriota - sia irrilevante nella ricerca dei beni degli oligarchi sanzionati. Anche se alcune persone attualmente fanno cambiare la loro nazionalità nel registro commerciale della propria azienda, questo avviene sempre in trasparenza. Inoltre, anche nella situazione attuale le aziende con un background cipriota o maltese non verrebbero esaminate più da vicino.

A Cipro, i passaporti auto-emessi sono ora presi molto sul serio. La Repubblica ha recentemente revocato la cittadinanza a 21 russi. La misura ha colpito quattro oligarchi i cui nomi sono presenti su una lista di individui sanzionati dall'Unione Europea. Si sospetta siano vicini al presidente russo Vladimir Putin. Anche alle loro mogli e ai loro figli è stato revocato il passaporto, per un totale di 21 persone.