Armi pesanti per l'Ucraina

Ciò che Zelensky vuole e ciò che Biden offre

Di Philipp Dahm

24.4.2022

President Joe Biden pauses as he speaks at the North America's Building Trades Unions (NABTU) Legislative Conference at the Washington Hilton in Washington, Wednesday, April 6, 2022. (AP Photo/Carolyn Kaster)
Il presidente statunitense Joe Biden.
KEYSTONE/AP Photo/Carolyn Kaster

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha pubblicato una lista di attrezzature da guerra di cui il suo paese ha bisogno. Nel frattempo, gli Stati Uniti hanno deciso di offrire all'Ucraina un ulteriore aiuto militare su larga scala. E Joe Biden sta inviando anche elicotteri, carri armati e artiglieria.

Di Philipp Dahm

24.4.2022

Manca ancora un po' a Natale, ma Volodymyr Zelensky la sua lista dei desideri l'ha già scritta: l'ha pubblicata sul sito saveualist.com, includendo l'hashtag #ArmUkraineNow.

Nel video che accompagna la lista, del 13 aprile, il presidente ucraino afferma che la Russia si sarebbe aspettata una vittoria entro cinque giorni dall'inizio del conflitto. «Questa è la scadenza che hanno fissato per cancellare il nostro Paese e distruggere la nostra democrazia. Ma non avevano idea di con chi avevano a che fare», spiega il 44enne, con la combattività che lo caratterizza.

Le forze ucraine hanno già distrutto più materiale bellico di quanto gli altri Stati europei abbiano nei loro arsenali. «Ma questo non basta», è consapevole Zelensky. Il Cremlino ha ancora così tanta capacità che nazioni come Polonia, Moldavia, Romania o i Paesi baltici potrebbero anch'essi entrare nel mirino di Mosca se l'Ucraina venisse travolta.

La Russia «può essere fermata solo con la forza delle armi. Deve essere fatto ora. Abbiamo bisogno di artiglieria pesante, carri armati, contraerea e aerei da combattimento». La libertà, ha sentenziato, deve essere meglio attrezzata della tirannia. «L'Occidente ha tutto per renderlo possibile», ha detto Zelensky. «Che si armi l'Ucraina ora, per difendere la libertà».

Ecco quali sono le armi che Zelensky vuole

Allora, cosa c'è sulla lista dei desideri? Le forze ucraine hanno urgente bisogno di artiglieria: almeno 100 cannoni da 155 millimetri, oltre a munizioni, quante più munizioni sovietiche da 152 millimetri possibile, e almeno 100 lanciarazzi Grad, Tornado, Smerch o US M142 Himars.

Una batteria BM-21 Grad delle forze armate russe durante il bombardamento della capitale cecena Grozny nel novembre 1999.
Keystone

L'esercito ha anche bisogno di 600 veicoli da combattimento di fanteria o veicoli da trasporto blindati, e di circa 300 carri armati T-72, M1 Abrams (USA) o Leopard (Germania). In aggiunta, sono necessari sistemi antiaerei S-300 o Buk, di cui dovrebbero essercene, rispettivamente, alcune decine.

Inoltre, vengono chiesti circa 300 missili antinave con una portata di almeno 30 chilometri. L'Harpoon degli Stati Uniti o l'RBS 15 della Saab in Svezia sono possibili candidati.

Nella lista ci sono anche 30 bombardieri tattici Su-24 Fencer. L'aereo multiruolo europeo viene attualmente sostituito in molti paesi, a causa della sua età avanzata. La lista è completata dalla richiesta di 2.000 veicoli leggeri per l'esercito ucraino.

Biden consegna

È quindi una fortuna che il presidente degli Stati Uniti abbia annunciato, lo stesso giorno, che Kiev riceverà altri aiuti militari per un valore di 750 milioni di franchi. Joe Biden ha prima parlato al telefono con il presidente ucraino, il che spiega la comunicazione senza soluzione di continuità. E la Casa Bianca va avanti: ora Washington vuole finalmente consegnare attrezzature pesanti a Kiev.

Un video delle missioni dei bombardieri russi Su-24.

YouTube/Tribunus militum

Il pacchetto da 800 milioni di dollari comprende molto di ciò che Zelensky chiede. Anche gli elicotteri: undici Mi-17 saranno consegnati all'Ucraina. La Casa Bianca li aveva in realtà procurati per le forze armate afghane, ma dopo la caduta di Kabul sotto i Talebani i velivoli sono per ora scomparsi dall'arsenale.

Un'unità delle forze speciali australiane aspetta che due elicotteri Mi-17 atterrino a Kandahar, in Afghanistan.
Keystone

Inoltre, Biden vuole fornire all'Ucraina 18 pezzi di artiglieria e 40.000 munizioni. 200 carri armati M113 dovrebbero anche aiutare il paese a passare all'offensiva contro la Russia. Inoltre, ci sono 100 veicoli corazzati e 300 dei temuti droni kamikaze Switchblade.

Le armi offensive di Washington

A questo si aggiunge la consegna di 500 missili anticarro Javelin, che costano ancora circa 188.000 franchi l'uno, 30.000 gilet di protezione e l'equipaggiamento per provare l'uso di armi NBC. La distinzione tra equipaggiamento bellico «difensivo» e «offensivo» all'interno della NATO è storia, al più tardi dall'annuncio di questo aiuto militare.

Un missile mortale: dei marines americani sparano un Javelin a Umm Qasr, Iraq, 2003.
Keystone

Parlando di storia: se si crede a un nuovo «fact sheet » redatto dal Pentagono, gli Stati Uniti hanno ormai un passato nella fornitura di armi. Stando al documento, l'amministrazione Biden dalla sua entrata in carica ha trasferito a Kiev 2,4 miliardi di dollari, ossia 2,26 miliardi di franchi svizzeri: 1,6 miliardi di franchi dei quali sono fluiti dall'inizio della guerra, il 24 febbraio.

Il denaro è stato usato per acquistare più di 50 milioni di munizioni, più di 5.000 Javelin e più di 7.000 altri missili anticarro, più di 1.400 missili antiaerei Stinger, più di 7.000 pistole e fucili e più di 45.000 caschi e gilet protettivi. Inoltre, saranno aggiunti materiali tecnici come radar, attrezzature per la visione notturna, apparecchiature di comunicazione e attrezzature mediche.