Terzo giorno di guerra

I russi cercheranno di «tagliare» in due l'Ucraina?

ATS / sam

26.2.2022

Nel terzo giorno dell'operazione militare lanciata dal presidente russo Vladimir Putin in Ucraina, le truppe russe hanno preso piede vicino a Kiev e hanno affrontato una dura resistenza. Ecco un aggiornamento sulla situazione relativa a sabato.

ATS / sam

26.2.2022

Le forze russe sono penetrate in profondità in Ucraina da nord, est e sud, ma stanno incontrando la resistenza dell'esercito ucraino, la cui intensità probabilmente ha sorpreso Mosca, secondo diverse fonti occidentali.

«Le operazioni russe sono progredite. Ma l'Ucraina ha ancora il controllo delle città chiave», ha detto una fonte occidentale, che ha parlato in condizione di anonimato. Sempre a suo avviso, l'esercito ucraino sta mostrando «grande resistenza» in questi luoghi, suscitando timori per l'uso «indiscriminato» della forza da parte della Russia se questa situazione dovesse durare troppo a lungo.

L'esercito ucraino afferma che i russi hanno lanciato un assalto a Victory Avenue, che porta al centro di Kiev, ma è stato «respinto».

Finora, la Russia non ha preso il pieno controllo di nessuna città ucraina, sebbene le sue forze si siano spostate a Kiev e Kharkiv, non lontano dal confine russo. Mosca ha rivendicato il controllo di alcuni centri urbani come Melitopol e Kherson, a nord della Crimea annessa, senza che ciò sia confermato da fonti occidentali.

Un ufficiale dell'esercito americano ha detto venerdì ai giornalisti che lo slancio russo si era fermato per 24 ore, specialmente intorno a Kiev. «Non hanno ottenuto i risultati che pensavamo si aspettassero», ha detto.

Tentativi di disinformazione

Le versioni di ciascuna parte sulle perdite divergono radicalmente e le fonti occidentali avvertono di probabili tentativi di disinformazione.

Il ministro della Difesa ucraino ha affermato che 2800 soldati russi sono stati uccisi, senza fornire elementi materiali. Il Ministero della Salute ha dichiarato sabato che 198 civili sono morti, inclusi tre bambini. Mosca invece non ha fornito dati sulle vittime.

«Sulla valutazione delle perdite non abbiamo cifre. Dobbiamo diffidare da quelle che saranno annunciate da entrambe le parti perché faranno parte dell'aspetto della guerra dell'informazione di questo conflitto», secondo lo Stato maggiore francese.

Sul destino della città di Melitopol, ad esempio, «l'informazione è contraddittoria. L'agenzia russa annuncia che gli eserciti russi hanno preso la città. Gli ucraini lo negano, così come gli inglesi. Penso che dovremo aspettare a Siamo tipicamente in un conflitto in cui la componente informativa sarà un campo di confronto particolarmente importante».

Quello che è successo a Serpents' Island nel Mar Nero è un altro esempio di informazioni contrastanti. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha salutato l'eroismo di 13 guardie di frontiera che sarebbero state uccise dopo aver detto a nave militare russa di «andare a puttane» piuttosto che arrendersi. Mosca, tuttavia, ha affermato che più di 80 soldati ucraini avevano visitato quest'isola.

Dichiarazioni contraddittorie anche sull'origine del proiettile che ha colpito un condominio nel centro di Kiev. Le autorità ucraine affermano che si tratta di un missile russo, prova che affermano che Mosca stesse deliberatamente prendendo di mira i civili, mentre la Russia lo nega, dicendo che si tratta di un malfunzionamento del sistema di difesa missilistica ucraino.

Quali i prossimi passi?

Fonti occidentali anticipano diversi giorni di aspri combattimenti per il controllo della capitale, dove la vita del presidente Zelensky è in bilico. «I combattimenti per la cattura di Kiev saranno probabilmente piuttosto lunghi, distruttivi e mortali. (...) Date le dimensioni di Kiev e l'organizzazione della città, il fatto che gli edifici verranno colpiti sembra quasi inevitabile», secondo lo Stato maggiore francese.

Al di là del destino della capitale, «cresce da nord a sud attraverso Kiev. Quello che sembra possibile è che i russi cerchino di tagliare in due il Paese attraverso i valichi sul Dnepr», il fiume che divide l'Ucraina, crede ancora.

Potranno così «isolare la parte dell'esercito ucraino di stanza nel separatista Donbass», e «poi, eventualmente, prendere l'ovest del Paese». La città di Lviv, nella parte occidentale del Paese, dove si sono rifugiati i residenti di Kiev ei diplomatici, sembra per il momento piuttosto sicura.

Nel sud i russi continuano a spingere per il controllo di Kherson, ma allargano anche il fronte per minacciare Mariupol. I russi hanno anche cercato di prendere il controllo della centrale idroelettrica di Kakhovka sul Dnepr nel nord della Crimea, in particolare lanciando attacchi informatici, secondo la fonte americana.