Ucraina

Il piano di Putin lo si può leggere nei romanzi spazzatura

Di Philipp Dahm

25.6.2022

Particolare di una copertina di un libro in vendita in Russia dove si promuovono storie
Particolare di una copertina di un libro in vendita in Russia dove si promuovono storie contro l'Occidente.
Screenshot tweet di sumlenny

L'Ucraina impegna l'esercito russo più di quanto il Cremlino si aspettasse. Ma il vero obiettivo di Vladimir Putin è quello di respingere la Nato: i bassifondi europei sono la chiave della sicurezza di Mosca.

Di Philipp Dahm

25.6.2022

Nel mercato librario russo è chiaro da tempo come la lepre stia correndo: gli editori «stanno preparando i russi a una guerra su larga scala contro l'Ucraina, la Nato e l'Occidente», scrive l'esperto di Europa orientale Sergei Sumlenny.

Le fiction hanno sempre propagandato lo «stalinismo» e il «nazismo», secondo l'ex capo dell'ufficio di Kiev della Fondazione tedesca Heinrich Böll. Dall'inizio degli anni 2010 sono in vendita libri che celebrano apertamente Stalin - ad esempio nell'opera «Siate orgogliosi, non rimpiangete! La verità sull'era di Stalin». È iniziata così un'ondata di militarizzazione, scrive Sumlenny.

Presenta le foto di una libreria dove sono in vendita anche zaini ed elmetti d'acciaio. Il tenore dei libri: la Russia è stata «derubata» e tradita. Particolarmente popolari sono le storie in cui l'eroe o l'eroina viaggiano indietro nel tempo per vendicarsi dell'Occidente - ad esempio in «Londra deve essere distrutta: lo sbarco dei russi in Inghilterra».

Se da febbraio Mosca dichiara di voler cacciare i nazisti dall'Ucraina, sul fronte interno non sembra esserci molta volontà di prendere le distanze dalle politiche disumane di Adolf Hitler. Perché, almeno sul mercato delle fiction, il viaggio nel tempo non viene usato per dare al Führer il colpo di grazia.

«Camerata Hitler»

Al contrario, ci sono libri russi in cui Hitler cambia schieramento - come in «Camerata Hitler: giustiziare Churchill» o in «Camerata Führer: trionfo della guerra lampo», che parla di Hitler che rompe il fronte che si era opposto all'Unione Sovietica. In queste opere l'Armata Rossa e gli scagnozzi nazisti combattono insieme il Nuovo Ordine Mondiale.

Anche l'Ucraina, ovviamente, fa parte di queste finzioni, ma alla fine è solo un tassello per rompere la supremazia dell'Occidente. «La guerra in Ucraina è solo un preludio per Vladimir Putin», avverte il giornalista ed ex ufficiale sudcoreano Dong Yon Kim, che teme che la Russia possa serrare i ranghi con la Cina contro Washington e il resto dell'Occidente.

In effetti, il problema della Nato è ora più grande che mai per il Cremlino.  La guerra contro Kiev può essere solo il preludio, mentre il vero atto è quello di respingere l'alleanza occidentale.

Polonia potenziale «fonte di minaccia»

I Paesi che hanno maggiori probabilità di sentire il fiato sul collo di Vladimir Putin sono anche quelli che si sono impegnati con maggiore veemenza nei confronti dell'Ucraina: la Polonia e gli Stati baltici sono ben consapevoli delle ambizioni espansionistiche del Cremlino. Alla fine di maggio, ad esempio, lo scagnozzo di Mosca e leader ceceno Ramzan Kadyrov ha annunciato che dopo Kiev, Varsavia era nel suo mirino.

Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha inoltre dichiarato che la Polonia «potrebbe essere una fonte di minaccia». La risposta di Varsavia è chiara: «La Polonia è orgogliosa di essere nella lista degli Stati ostili a Putin», ha dichiarato il ministro Anna Moskva, contrastando le minacce provenienti da Est.

Il nuovo conflitto tra Est e Ovest si sta sviluppando anche negli Stati baltici. Le basi non sono state create da Putin stesso: Il presidente russo lascia queste provocazioni ai suoi vice. Così, la scorsa settimana, Yevgeny Fedorov ha presentato una legge che mette in discussione il riconoscimento dell'indipendenza della Lituania.

Il preambolo: Lituania «illegale»

Fyodorov è un estremista di destra che siede alla Duma per il partito Russia Unita di Putin. Il 59enne sostiene che il riconoscimento della Lituania da parte della Duma nel 1991 sia stato «illegale». Da un lato, la Duma non aveva il diritto di farlo, dall'altro, un'altra legge vietava esplicitamente tali procedure. Inoltre, in Lituania non c'è stato alcun referendum.

La Lituania non ha reagito, anche se, ad esempio, si è tenuto un referendum in cui il 91% ha votato per la separazione da Mosca. Vilnius si è vendicata in un altro modo: la Lituania ha bloccato la circolazione delle merci verso l'exclave russa di Kaliningrad dal 18 giugno. Solo il 40-50% di tutte le merci riesce ancora a passare.

Anton Alichanov, governatore di Kaliningrad, ha definito l'azione «la più grave violazione del diritto al libero transito da e verso Kaliningrad», e ha annunciato resistenza, promettendo di sostituire le perdite con il trasporto marittimo. Kaliningrad è un punto dolente al confine occidentale della Russia, dove il conflitto con la Nato potrebbe rapidamente aggravarsi.

I britannici si preparano al dispiegamento in Europa

Anche l'Occidente ha riconosciuto questo pericolo: il nuovo Capo di Stato Maggiore delle Forze Armate britanniche ha emesso una circolare che invita tutti i soldati a prepararsi per il dispiegamento in Europa. Alla luce dell'attacco russo all'Ucraina, la Gran Bretagna deve anche prepararsi a un'ulteriore aggressione russa sul continente europeo, ha sostenuto il generale Patrick Sanders.

«È urgente costruire un esercito in grado di sconfiggere la Russia sul campo di battaglia insieme ai nostri alleati», ha dichiarato l'ufficiale delle forze terrestri. La Nato intende inoltre espandere la propria presenza negli Stati baltici, come annunciato dall'alleanza la scorsa settimana.

I gruppi tattici multinazionali esistenti saranno rafforzati da unità di combattimento aggiuntive e da una difesa aerea, marittima e cibernetica, ha dichiarato Bruxelles. Inoltre, una brigata multinazionale di diverse migliaia di soldati potrebbe essere schierata per la difesa della Lituania. La Nato prevede di schierare una brigata di 3000-5000 soldati per Stato.