Nucleare

Iran: produzione uranio al 60% dalla settimana prossima

SDA

14.4.2021 - 10:00

Immagine satellitare del sito nucleare iraniano di Natanz, in cui è avvenuta un'esplosione all'inizio di luglio del 2020..
KEYSTONE/AP

L'Iran comincerà la settimana prossima a produrre l'uranio arricchito al 60% nel suo impianto nucleare di Natanz: lo ha detto oggi l'ambasciatore Kazem Gharibabadi, rappresentante della Repubblica islamica presso l'Agenzia internazionale per l'energia atomica. Dal canto suo Rohani ha detto che si tratta della risposta al «terrorismo nucleare» di Israele.

SDA

14.4.2021 - 10:00

In un messaggio pubblicato su Twitter, Gharibabadi ha detto che la modifica del processo è già iniziata a Natanz, l'impianto che domenica è stato l'obiettivo di un «sabotaggio» attribuito a Israele. «Ciò migliorerà in modo significativo sia la qualità che la quantità dei prodotti radiofarmaceutici», ha aggiunto.

Il portavoce dell'Organizzazione per l'energia atomica dell'Iran, Behrouz kamalvandi, aveva detto ieri sera che i preparativi per l'arricchimento dell'uranio al 60% sarebbero cominciati immediatamente nel sito nucleare sotterraneo.

Da parte sua il presidente iraniano Hassan Rohani ha detto che l'arricchimento dell'uranio al 60% da parte dell'Iran è la risposta al «terrorismo nucleare» di Israele e ha aggiunto che Teheran risponderà «sicuramente ai complotti dei sionisti e questo è stato il primo passo».

Rohani: «Rispondiamo al 'terrorismo' d'Israele»

L'arricchimento dell'uranio al 60% da parte dell'Iran è la risposta al «terrorismo nucleare» di Israele: lo ha detto oggi il presidente iraniano Hassan Rohani, aggiungendo che Teheran risponderà «sicuramente ai complotti dei sionisti e questo è stato il primo passo».

«Voi volete minare le attività nucleari pacifiche dell'Iran, ma noi stiamo agendo nel rispetto della legge. La vostra mossa è terrorismo nucleare, la nostra è legale», ha detto Rohani nel corso di una riunione di Gabinetto rivolgendosi al governo israeliano, che secondo Teheran è stato l'autore de 'sabotaggio' del sito nucleare di Natanz. «Tuttavia, aspettiamo il risultato finale delle indagini sull'incidente, ma è ovvio che si è trattato del crimine dei sionisti», ha aggiunto.

«Voi volete che abbiamo le mani vuote negli attuali colloqui di Vienna, ma noi abbiamo le mani piene e dopo il vostro crimine a Natanz, abbiamo risposto alla vostra 'malizia' e vi abbiamo tagliato entrambe le mani: una con l'installazione delle (centrifughe) IR-6 e un'altra con l'arricchimento dell'uranio al 60%», ha concluso il presidente iraniano.

SDA