Iran

Continuano le proteste, Teheran indurisce la repressione

SDA

24.9.2022 - 20:34

I disordini e le manifestazioni in Iran dovrebbero essere affrontati «con durezza». Il regime di Teheran sta mostrando il suo vero volto repressivo nei confronti delle proteste per la morte di Mahsa Amini, la 22enne curda deceduta dopo l'arresto per non avere indossato correttamente l'hijab. Proteste represse nel sangue con un alto costo di vite umane.

Un giornale iraniano riporta la morte di Mahsa Amini, nella foto di sinistra.
Un giornale iraniano riporta la morte di Mahsa Amini, nella foto di sinistra.
KEYSTONE/EPA/ABEDIN TAHERKENAREH

SDA

24.9.2022 - 20:34

Secondo Teheran, sono 35 le persone che hanno perso la vita dopo una settimane di cortei, raduni e barricate, mentre Ong e fonti dell'opposizione hanno fornito un'altra versione dei fatti, denunciando almeno 50 morti, con centinaia di feriti. E tra le vittime, secondo Amnesty International, si contano anche quattro bambini.

Il presidente ultraconservatore iraniano Ebrahim Raisi ha promesso il pugno di ferro e ha definito i manifestanti dei «rivoltosi che disturbano l'ordine e la sicurezza» e dunque vanno fermati.

Teheran, come di consueto, non ha escluso lo zampino degli Occidentali: il ministro dell'Interno, Ahmad Vahidi, è infatti convinto che i manifestanti stiano «seguendo gli Stati Uniti e i Paesi europei e i controrivoluzionari con il fine di creare disordine e distruzione», aggiungendo che il bando a Internet, a Whatsapp e Instagram proseguirà fino alla fine delle proteste.

Sabato è stato aggiunto al bando anche Starlink, l'internet satellitare di Elon Musk.

Mistero sulle cause di Masha Amini

Ancora buio invece sulle cause della morte di Mahsa Amini, avvenuta tre giorni dopo l'arresto. Vahidi ha detto di escludere da parte sua il pestaggio da parte della polizia, dicendo di «attendere il rapporto finale del team medico», che esegue l'autopsia.

«Sono state ricevute segnalazioni dai servizi di sorveglianza, sono stati interrogati i testimoni, sono stati rivisti i video, sono stati ottenuti i pareri dei medici forensi ed è stato accertato che non vi sono state percosse» sulla donna.

Arresti di massa

Impressionanti gli arresti di massa. Nella sola provincia di Guilan la polizia iraniana ha fermato «739 rivoltosi, tra cui 60 donne», mentre il Comitato per la protezione dei giornalisti, organizzazione indipendente con sede a New York, ha annunciato che da lunedì 11 giornalisti sono stati arrestati.

Il clima è estremamente teso in varie zone del Paese, che conta più di 80 milioni di abitanti, il 90% dei quali sciiti, e dove le donne sono obbligate a coprirsi i capelli e non possono indossare cappotti corti o attillati o jeans bucati.

Le manifestazioni non cessano

La repressione del regime teocratico non ha però scoraggiato anche sabato i dimostranti, in particolare gli studenti di diverse università, tra cui quella di Teheran, che hanno continuato a radunarsi.

Le manifestazioni si sono tenute nel primo giorno di apertura degli Atenei e delle scuole, sebbene il governo abbia annunciato che le lezioni universitarie si terranno online per almeno due settimane.

Raduni anche nel Kurdistan iracheno, dove in centinaia hanno manifestato a Erbil, per denunciare «il regime iraniano» e la «repressione».

Un fotografo della France Presse ha riferito che circa 300, tra uomini e donne, hanno scandito slogan in curdo, davanti agli uffici delle Nazioni Unite come «Donne, vita, libertà» e «Abbasso la dittatura». Alcuni hanno bruciato una bandiera iraniana.

Spaccatura nel mondo dello spettacolo

A condannare la repressione, oltre alle principali cancellerie occidentali, sabato si sono associate anche un centinaio di personalità del cinema iraniano, tra attori e registi, che hanno voluto far sentire la loro voce, con un appello alle forze di sicurezza a non prendere di mira i manifestanti con i proiettili.

Secca la reazione del ministero della Cultura e dell'Orientamento islamico: le attrici che hanno annunciato pubblicamente o sui social media di sostenere Amini non potranno più continuare la loro carriera nella recitazione.

Intanto l'hashtag #Mahsa_Amini ha battuto un record storico: è stato ritwittato più di 67,7 milioni di volte.

SDA