Vena di alimentazione recisa

Kiev semina il caos in Crimea per liberare la città di Cherson

Di Philipp Dahm

18.8.2022

Dopo l'attacco alla base di Saky del 9 agosto, la Russia ha evacuato 3000 persone dalla Crimea.
Dopo l'attacco alla base di Saky del 9 agosto, la Russia ha evacuato 3000 persone dalla Crimea.
AP

Il cappio intorno a Cherson si sta stringendo: dopo aver distrutto tutti i ponti, l'Ucraina sta prendendo di mira le linee di rifornimento e le basi in Crimea per poter liberare la città dagli occupanti.

Di Philipp Dahm

18.8.2022

La conquista della Crimea nel 2014 non sta fruttando solo allo Stato russo, che si è impadronito di porti d'acqua calda strategicamente importanti. È diventata una destinazione turistica popolare grazie alle spiagge sabbiose.

Otto anni dopo, la disillusione si è fatta strada. Innanzitutto, i prezzi nella regione sono saliti alle stelle, il che rappresenta un problema per i turisti russi medi. Inoltre, molti esitano a trascorrervi le vacanze a causa della guerra. Quelli che vengono comunque, si suppone che «leggano le notizie e siano pronti a lasciare immediatamente la Crimea in caso di pericolo».

I russi sono partiti al più tardi il 9 agosto, dopo che diverse esplosioni hanno causato gravi danni all'aeroporto militare di Saky. Le auto dei rimpatriati si sono ammassate prontamente davanti al ponte di Crimea, costruito nel 2018. Sui social media circola un video eloquente di una donna russa che piange nel retro della sua auto perché deve partire.

«Non voglio proprio lasciare la Crimea e [il centro termale e balneare] Alushta», singhiozza, «è così bello qui». Si era abituata, chiede il regista che sta sul sedile del passeggero. «L'ho fatto», risponde il russo. «È come essere a casa. Tutto era così bello e accogliente».

La Crimea come vena di approvvigionamento

Ormai si è capito che la Crimea è un territorio occupato. Le spiagge sono vuote perché gli impatti delle bombe si stanno avvicinando - letteralmente: dopo che è stato colpito un nodo ferroviario a Dzhankoy, non circolano più treni per la Crimea. Anche l'aeroporto militare vicino a Hvardiiske sarebbe stato attaccato.

«Gli attacchi alle posizioni russe in Crimea e nei dintorni sono probabilmente parte di una coerente controffensiva ucraina per riprendere il controllo della sponda occidentale del Dnipro», così analizza la situazione il think tank di Washington Institute for the Study of War (ISW). Il «New York Times» scrive che le forze speciali ucraine stanno operando nella zona e causando il caos.

La Crimea è stata finora un'àncora di salvezza per la città occupata di Cherson, attraverso la quale sono affluiti i rifornimenti. Ma le forze armate ucraine hanno interrotto questa vena - a volte anche con precisione chirurgica, ad esempio quando i ponti di accesso alla città sono stati colpiti dall'artiglieria di Himars. Non è quindi più possibile per l'esercito russo portare a Cherson attrezzature pesanti. E nemmeno farle uscire.

I ceceni contro i disertori

La situazione dell'esercito russo a Cherson appare desolante. Secondo fonti ucraine, le forze del Cremlino stanno passando all'attacco con lanciarazzi e aerei. Un tentativo di fuga delle truppe di terra verso Mykolaiv sarebbe stato respinto, presumibilmente con gravi perdite per gli attaccanti russi.

Secondo l'ISW, nel frattempo Mosca ha dovuto richiamare la Guardia Nazionale, che fa capo al Ministero degli Interni, e le unità cecene per impedire ai soldati della regione di attraversare il Dnipro e disertare. Allo stesso tempo, le forze armate stanno lottando per spostare uomini e materiali in città.

«Attualmente il nemico sta utilizzando Melitopol come centro logistico per il trasporto e la spedizione di munizioni e armi pesanti», ha dichiarato alla CNN Ivan Fedorov, sindaco della città occupata di Melitopol. I soldati russi si stanno ritirando da Cherson a Melitopol, mentre i loro parenti vengono sfollati da quest'ultima città.

La Russia si vendica verbalmente e si arma

Vladimir Putin pone la situazione in modo diverso. «Gli Stati Uniti hanno bisogno di conflitti per mantenere la loro egemonia», ha dichiarato il presidente russo a una conferenza sulla sicurezza di fronte a leader militari provenienti da Africa, Asia e Sud America.

«Ecco perché stanno trasformando gli ucraini in carne da cannone». Washington «si comporterà esattamente nello stesso modo per alimentare i conflitti in Africa, Asia e America Latina», avverte il 69enne.

L'«élite della globalizzazione occidentale» sta cercando di «incolpare la Russia e la Cina per i propri errori», continua Putin, rivolgendosi esplicitamente alla visita di Nancy Pelosi a Taiwan.

Il ministro della Difesa Sergei Shoigu aggiunge: «I servizi di intelligence occidentali non solo forniscono le coordinate degli obiettivi per gli attacchi. Gli specialisti occidentali controllano anche l'inserimento di questi dati nei sistemi di armamento».

Per contrastare gli aiuti con le armi provenienti dall'Occidente, il Cremlino si sta rafforzando anche in quest'area. Secondo alcune fonti l'Iran vuole fornire alla Russia 1.000 droni per la guerra in Ucraina. Il Ministero della Difesa avrebbe anche ordinato all'industria della difesa nazionale diversi sistemi del nuovissimo sistema di difesa antiaerea S-500 e dell'ICBM Sarmat, noto anche in Occidente come Satan II.