Disastro su tutti i fronti

L'esercito di Putin affonda nel fango, forti piogge in arrivo

Di Philipp Dahm

29.9.2022

Un residente del luogo passa accanto al cratere di un'esplosione dopo un attacco russo vicino a un edificio danneggiato a Sloviansk, in Ucraina, martedì 27 settembre 2022.
Un residente del luogo passa accanto al cratere di un'esplosione dopo un attacco russo vicino a un edificio danneggiato a Sloviansk, in Ucraina, martedì 27 settembre 2022.
KEYSTONE

Secondo diverse fonti durante lo scorso fine settimana le forze russe avrebbero perso diversi jet, mentre l'esercito ucraino sta facendo piccoli, ma costanti progressi nel Donbass. Anche la mobilitazione procede solo in modo moderato.

Di Philipp Dahm

29.9.2022

Sono stati giorni, ancora una volta, devastanti quelli vissuti lo scorso fine settimana per le forze armate russe. L'aviazione militare in particolare ha subito delle perdite importanti.

Nella sola giornata di sabato sabato, i difensori hanno dichiarato di aver abbattuto un aereo da attacco al suolo Su-25 Frogfoot, due Su-30 Flanker-C, un Su-34 Fullback e un Mi-8 Hip, oltre a un missile da crociera e sei droni. I costi stimati per il Cremlino: circa 90 milioni di dollari.

Il (presunto) video di un Su-30 o Su-34 abbattuto il 24 settembre nella regione di Kharkiv. L'autenticità non può essere verificata.

Anche a terra la situazione è messa male. Un tentativo delle truppe russe di lanciare un contrattacco su Bakhmut nell'oblast di Donetsk è fallito. Sembra che l'esercito ucraino sia riuscito ad avanzare verso est dal villaggio di Oskil a Kharkiv verso il confine con Luhansk.

Svatove e Lyman al centro

In questo modo, le truppe di Kiev sono riuscite a farsi strada verso la cittadina di Svatove. Da un lato la attraversa la ferrovia di Donetsk, dall'altro c'è la P66, che porta a Lsysychansk via Rubischne. Le vie di rifornimento sono ora minacciate. Con l'avanzata, l'Ucraina non solo sta aumentando la pressione su quest'ultima città e su Sievjerodonetsk, ma sta anche stringendo sempre di più su Lyman.

Lyman si trova nel nord dell'oblast di Donetsk, sulla linea ferroviaria da Kharkiv via Bakhmut nel bacino di Donetsk. Nel polo industriale soprannominato la «Porta settentrionale del Donbass», i russi hanno stabilito un quartier generale regionale che ora è sotto attacco da tre lati. Presumibilmente, i combattimenti sono già in corso nella periferia di Lyman.

Non si fa menzione di questi sviluppi sul canale Telegram del ministero della Difesa russo. Chiunque legga questo ha l'impressione che tutto stia andando secondo i piani. L'ultima storia di successo: Mosca afferma di aver abbattuto 5.114 carri armati e veicoli corazzati, 3.417 artiglieria e mortai, 2.087 droni e 155 elicotteri dal 24 febbraio.

Scioperi nel territorio occupato e sul fronte interno

Si dice che 302 aerei siano stati abbattuti. È un'impresa incredibile considerando che l'Ucraina aveva solo 228 aerei nei suoi ranghi prima della guerra, inclusi aerei da ricognizione, da trasporto e da addestramento.

Naturalmente, non c'è nulla sul canale Telegram sulle battute d'arresto in prima linea, né su quelle sul fronte interno. Non una parola sull'atto di sabotaggio a Novokuznetsk, nella Siberia sud-occidentale. Nella grande città dei distretti carboniferi del bacino di Kuznetsk c'è un'enorme acciaieria che dà lavoro a 11.500 persone. La maggior parte di loro è libera per il momento dopo che gli incendiari hanno dato alle fiamme la mietitrebbia di metallo.

Non è successo quasi nulla sul fronte a Donetsk e Cherson. Tuttavia, le condizioni stanno peggiorando sia per i difensori che per gli attaccanti. La pioggia sta attualmente coprendo l'Ucraina, il che rende il terreno sempre più soffice e più impossibile l'avanzata dei veicoli cingolati e di altre unità. A Kiev il termometro sta già scendendo a otto gradi di notte, mentre a est con solo due gradi fa freddo la notte.

Kiev vuole carri armati e più difese antiaeree

In questa situazione, Kiev continua a sperare nell'assistenza delle armi occidentali. I carri armati in particolare sono necessari e Kiev spera che Washington dia il via libera tutti. «Se gli Stati Uniti sono in grado di [fornire] carri armati, la Germania e altri paesi europei li seguiranno», ha affermato Volodymyr Zelensky in un'intervista all'emittente statunitense CBS.

Anche la consegna di artiglieria e sistemi antiaerei rimane rilevante, afferma il presidente dell'Ucraina, che allo stesso tempo ringrazia il presidente Joe Biden e il Congresso per il supporto con i missili antiaerei Nasams. «Ma credetemi, non è abbastanza per proteggere le infrastrutture civili, le scuole, gli ospedali, le università e le case in Ucraina».

Per inciso, la mobilitazione parziale non rende Zelensky nervoso. «Si sono mobilitati in segreto per mesi», ha ribattuto seccamente il 44enne. Non c'è da stupirsi: in Russia si sta formando una resistenza contro la coscrizione forzata, che a quanto pare colpisce principalmente le minoranze etniche.

Una mobilitazione caotica

Ad esempio, si dice che i tartari di Crimea siano colpiti in modo sproporzionato. Anche nella repubblica russa del Daghestan, a maggioranza musulmana, si protesta contro la mobilitazione: nella capitale Makhachkala, ma anche nel villaggio di Endirey, polizia e manifestanti si scontrano a volte con violenza.

Lo spoglio dei nuovi soldati procede in modo caotico, come ammette l'agenzia di stampa statale RIA Novosti. A Volgograd un 58enne senza esperienza militare e un diabetico di 63 anni vengono arruolati e rimandati a casa solo dopo le proteste.

Tali errori sarebbero corretti immediatamente, promette il sovrano russo Vladimir Putin. Presumibilmente, 260.000 russi sono già fuggiti dalla loro patria da quando è stata annunciata la mobilitazione.