Libia

Libia: rinviata pubblicazione liste candidati alla presidenza

SDA

11.12.2021 - 18:02

La Libia sta cercando di districarsi da una grave crisi politica che persiste dalla caduta del regime di Muammar Gheddafi nel 2011 (foto d'archivio)
La Libia sta cercando di districarsi da una grave crisi politica che persiste dalla caduta del regime di Muammar Gheddafi nel 2011 (foto d'archivio)
Keystone

L'Alta Commissione elettorale libica (HNEC) ha annunciato il rinvio sine die della pubblicazione della lista definitiva dei candidati presidenziali a due settimane da questo appuntamento cruciale per il Paese, nel caos ormai da un decennio.

SDA

11.12.2021 - 18:02

L'HNEC non ha dato una nuova data per la pubblicazione di questa lista, passo che dovrebbe dare il via alla campagna elettorale.

Secondo il regolamento dell'elezione del primo capo di Stato libico a suffragio universale, prevista per il 24 dicembre, la Commissione avrebbe dovuto pubblicare l'elenco definitivo due settimane dopo gli appelli definitivi, i ricorsi e le decisioni dei tribunali sui candidati.

Ma in un comunicato sul proprio sito, l'HNEC afferma che deve ancora «adottare una serie di misure» giudiziarie e legali «prima di procedere alla pubblicazione della lista definitiva dei candidati e all'inizio della campagna elettorale».

Il caos dopo la dittatura Gheddafi

La Libia sta cercando di districarsi da una grave crisi politica che persiste dalla caduta del regime di Muammar Gheddafi nel 2011, sulla scia della Primavera araba.

Dopo anni di conflitti armati e divisioni regionali tra Est e Ovest, un nuovo governo ad interim è stato nominato all'inizio di quest'anno, sotto gli auspici delle Nazioni Unite, per guidare la transizione tra oggi e le elezioni parlamentari e presidenziali.

Le elezioni legislative dovrebbero svolgersi a un mese dal primo turno delle elezioni presidenziali. Ma molti contrattempi si sono frapposti nelle ultime settimane al processo elettorale, mettendo in dubbio lo svolgimento di queste elezioni, cruciali per il futuro e la stabilità della Libia.

SDA