Trump ne sa di più

«Ma siamo noi la più grande potenza nucleare»

Di Philipp Dahm

24.3.2022

«Ti amano»: Donald Trump durante la telefonata con il moderatore di «Fox Business» Stuart Varney.
Screenshot: YouTube/Fox News

L'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump si è espresso ancora una volta e, come al solito, in modo bizzarro sulla politica estera. Da un lato si è fatto i complimenti da solo, dall'altro vede anche dei cambiamenti.

Di Philipp Dahm

24.3.2022

Ovviamente Donald Trump ha parlato di «elezioni posticipate» quando l'ex presidente degli Stati Uniti è stato chiamato da «Fox Business» il 21 marzo. Ma il predecessore di Joe Biden è stato interrogato su altri argomenti: che cosa ne pensa il 75enne di ciò che sta accadendo nella politica estera?

1. Trump sulla visita di Biden in Polonia

«È molto tardi. Le carte sono state date e lui ha una brutta mano. Gli è stata data una brutta mano. Prima che tutto iniziasse, aveva la mano più forte. Non sarei mai arrivato a questo punto se fossi stato presidente, te lo posso dire al 100%. Si siede lì e tutti gli dicono cosa fare».

2. Trump sugli alleati degli Stati Uniti

«Dovremmo essere noi a guidare e loro si approfittano di noi. Anche i nostri alleati si approfittano di noi. La NATO ci sfrutta ovunque può, specialmente nel commercio. Stanno davvero dicendo a [Biden] cosa vogliono fare, non cosa vogliamo fare noi. È triste vederlo».

Nota della redazione: la NATO non ha nulla a che fare con il commercio.

3. Trump sulla mossa dei Mig-29

Premessa: la Polonia era pronta a consegnare i suoi jet Mig-29 agli Stati Uniti se Washington li avesse trasportati in Ucraina: dopo le minacce dalla Russia, probabilmente Varsavia non voleva essere presa di mira da Mosca. Tuttavia, Joe Biden ha respinto la richiesta per non provocare una guerra mondiale.

«[Avrei] forse [inviato] ancora di più. Putin dice cose del tipo: "Non osate inviare altro". Nel frattempo, sta uccidendo migliaia di persone. Si comporta come se fossimo l'aggressore quando mandiamo un aereo di 44 anni che probabilmente sarebbe stato abbattuto abbastanza rapidamente, e si comporta come se fossimo persone orribili quando lo facciamo».

4. Trump sull'entità della guerra

«È una tragedia umanitaria. Forse non c'è mai stato niente di simile, di certo non dopo la Seconda guerra mondiale. Ma non era mai successo prima».

5. Trump sull'arma di difesa anticarro statunitense Javelin

«Sono io quello che ha mandato i missili Javelin. Tutti si rifiutano di riconoscerlo. Ho dovuto sopportare molto. Li ho inviati in modo molto aperto ed entusiasta e hanno detto che Obama avrebbe inviato lenzuola e Trump avrebbe inviato i Javelin. Bene, quei missili hanno eliminato tutti i carri armati. Sono stati inviati da me e anche noi ne abbiamo inviati molti. Non me ne ero accorto nel momento in cui li ho spediti. Ho detto: "Ragazzi, stiamo inviando un sacco di materiale, ma facciamolo". Chi sapeva che erano così potenti?».

Nota della redazione: è vero che la Camera dei rappresentanti ha approvato le spedizioni di Javelin nel 2017.

6. Cosa Trump avrebbe fatto diversamente

«Quello che avrei fatto rapidamente è ridurre il flusso di petrolio, perché se abbassi il prezzo del petrolio in modo significativo, questa guerra finirà. Conosci l'espressione? Hai bisogno di tre cose per la guerra: denaro, denaro e denaro. L'ho avuto una volta a $1,71. In effetti, era così basso che temevo stessimo perdendo la nostra industria petrolifera».

Statistic: Average annual Brent crude oil price from 1976 to 2022 (in U.S. dollars per barrel) | Statista
Find more statistics at Statista

Nota della redazione: il prezzo del petrolio più basso durante il mandato di Trump è stato di poco superiore a $43 al barile. Se l'ex presidente intendeva il prezzo medio di un gallone di benzina, anche la sua affermazione è errata. Era di $2,14 nel 2016.

7. Quello che militarmente Trump avrebbe fatto diversamente

«Oggi abbiamo droni che sono altrettanto efficaci qualsiasi cosa tu possa far volare. Inoltre, ci danno informazioni, e le informazioni guidano i missili direttamente verso qualsiasi dannato bersaglio ci sia. Ecco perché è così ridicolo essere neutrali».

8. Trump sulle armi nucleari

«Non mi piaceva farlo, ma ho ricostruito il nostro arsenale nucleare in modi che nessuno pensava fosse possibile prima. Due trilioni e mezzo di dollari per il nostro esercito, e gran parte è andato al nucleare. Abbiamo armi che hanno 45 e 50 anni. Ora abbiamo armi nuove di zecca. Se non lo avessimo, non parleremmo. Continuavo a sentire [Putin] usare la parola N. È la parola N. La usa sempre, la parola nucleare. E non ne parliamo mai. Diciamo: "Oh, è una potenza nucleare". Ma siamo noi la più grande potenza nucleare».

Nota delle redazione: la parola N non si riferisce a «nucleare», ma descrive un termine molto razzista. La Russia ha anche più testate nucleari degli Stati Uniti.

9. L'idea del sottomarino di Trump

«Abbiamo i migliori sottomarini del mondo. E sono stati costruiti sotto la mia presidenza. Le macchine più potenti mai costruite. E nessuno sa dove siano. Dovremmo dire: "Guarda, se tu [Putin] ti metti di nuovo in bocca la parola [nucleare], li manderemo a guidare su e giù per la tua costa"».

Nota della redazione: gli ultimi sottomarini nucleari balistici di classe Columbia sono in cantiere dal 2014. I più recenti sottomarini d'attacco di classe Virginia sono in costruzione dal 2000. Trump è entrato in carica nel 2016.

La USS John Warner poco prima della sua cerimonia di inaugurazione a Newport News, Virginia, il 6 settembre 2014. È un sottomarino di classe Virginia.
KEYSTONE

10. Trump sulla Cina

«Penso di sapere [che cosa si sono detti Joe Biden e Xi Jinping]: siamo stati minacciati dalla Cina. Xi è molto intelligente. Lo conosco bene. Lo conosco meglio di te, Stuart, e ti conosco e mi piaci. Mi congratulo con te per il successo del tuo spettacolo e ti amano. Lo conosco meglio di quanto io conosca te. Non legge battute, dà battute e credo fermamente che abbia minacciato Biden, non ci è stato detto. Dovremmo ottenere una registrazione della chiamata, come abbiamo fatto durante la mia perfetta telefonata con il presidente dell'Ucraina».

Nota della redazione: la «telefonata perfetta» e una possibile cospirazione della Russia hanno portato Donald Trump all'impeachment nel 2019, in cui l'allora presidente in carica è stato assolto.

«Lo conosco meglio di te, Stuart»: Donald Trump con Xi Jinping alla riunione del G-20 del 29 giugno 2019 a Osaka, in Giappone.
AP

11. Trump su Zelensky

«Mi ha difeso in quella chiamata. Ha detto: "Trump non ha fatto niente di male, non mi ha minacciato". Avrebbe potuto agire diversamente. Avrebbe potuto essere svegliato come Bill Barr».

Nota della redazione: l'ex procuratore generale di Trump, Bill Barr, ha messo in imbarazzo il suo ex capo con un libro sul suo incarico.

12. Trump su Putin

«Sono andato d'accordo con lui. Ama il suo paese. Ma è una persona diversa da prima. Dà un'impressione diversa. Ha un aspetto diverso. È una persona diversa. Avevamo una relazione decente. È stato molto difficile a causa della falsa notizia russa. E gli ho detto: è molto difficile per me fare qualcosa per la Russia e fare qualcosa per te. Perché queste persone orribili stanno diffondendo questa bufala. Questa sciocchezza con la Russia, il clientelismo russo. Abbiamo fatto bene con la Russia, non hanno attaccato nessun Paese tra di noi. Sono l'unico a cui non è successo. Hanno ottenuto la Georgia sotto [George W.] Bush e la Crimea sotto Biden e [Barack] Obama. Ora [Putin] dice: "Diavolo, prendiamo tutto"».

Nota della redazione: Trump ha quasi ragione per una volta. Durante il mandato di John F. Kennedy tra il 1961 e il 1963, anche la Russia non ha preso parte a guerre e nessuna è iniziata senza provocazione.