Paramilitari Putin: «Il gruppo Wagner non esiste», Prigozhin è ancora vivo?

SDA

14.7.2023 - 12:49

Il presidente russo  Vladimir Putin
Il presidente russo Vladimir Putin
Keystone

Poco tempo fa, Vladimir Putin ha ammesso che il Cremlino ha pagato miliardi alla Wagner. Ora il presidente russo nega il diritto all'esistenza del gruppo. Il che non è davvero di buon auspicio per il capo dei mercenari Yevgeny Prigozhin.

14.7.2023 - 12:49

Hai fretta? blue News riassume per te:

  • Vladimir Putin conferma di aver incontrato i mercenari Wagner e Yevgeny Prigozhin il 29 giugno.
  • Putin sostiene di aver proposto loro di rimanere insieme come unità sotto il loro attuale comandante se si fossero subordinati al Ministero della Difesa.
  • Prigozhin ha rifiutato perché i suoi «ragazzi» non avrebbero accettato.
  • Putin ora dice che Wagner non esiste, mentre quindici giorni fa ha ammesso che il Cremlino ha finanziato il gruppo con miliardi di rubli.
  • Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden avverte che Prigozhin è stato avvelenato, mentre un ex generale dubita che il 62enne possa mai riemergere.
  • Secondo il Pentagono, Wagner non ha più un ruolo nella guerra in Ucraina.

Giovedì 13 luglio Vladimir Putin ha rilasciato un'intervista al quotidiano russo Kommersant, di proprietà dell'oligarca miliardario Alisher Usmanov, rivelando i dettagli del suo incontro con i mercenari Wagner.

Il capo del Cremlino ha confermato che il 29 giugno - cinque giorni dopo la rivolta del gruppo - ha incontrato tre dozzine di militanti e il loro capo Yevgeny Prigozhin. In quell'incontro, il presidente avrebbe fatto loro un'offerta, che però non hanno potuto accettare.

«Tutti loro avrebbero potuto riunirsi in un unico luogo e continuare il loro servizio», ha detto Putin. «E non sarebbe cambiato nulla. Sarebbero stati guidati dalla stessa persona che è sempre stata il loro vero comandante». L'ufficiale è stato identificato solo con il nome di battaglia «Lupo Grigio».

Prima «completamente» finanziato - e ora smentito

Secondo Al Jazeera, Putin ha lasciato intendere che il gruppo Wagner era sotto il controllo del Ministero della Difesa. I mercenari sembravano apprezzare l'idea, ha detto il 70enne: «Molti di loro hanno annuito quando l'ho detto. Il loro capo, però, non ha voluto accettare. Pirgoschin ha detto: "No, i ragazzi non accetteranno una decisione del genere"».

Tuttavia, il gruppo non può continuare a esistere nella sua forma attuale: «Wagner non esiste. Non esiste una legge sugli eserciti privati. Semplicemente non esiste. C'è un gruppo, ma legalmente non esiste!».».

Il contesto: tali eserciti privati sono di fatto vietati dalla legge in Russia. Finora sono stati trattati come società di sicurezza private.

Il 27 giugno, due giorni prima dell'incontro con i mercenari Wagner, Putin aveva dichiarato pubblicamente che il gruppo era stato «interamente» finanziato dal Ministero della Difesa, che vi aveva speso miliardi.

Il fatto che Putin ora neghi l'esistenza dei «musicisti», come spesso si definiscono, indica una rottura definitiva con Prigozhin.

«Dubito che lo rivedremo mai più»

Non stupisce che Robert Abrams non creda che Prigozhin sia ancora vivo. «Personalmente, non credo che lo sia, e se lo è, è in una prigione da qualche parte», ha detto il generale dell'esercito americano a quattro stelle in pensione alla rete ABC. «Dubito che lo rivedremo mai».

Abrams non vuole nemmeno credere che Putin e Prigozhin si siano incontrati il 29 giugno. Sarebbe sorpreso se emergessero prove concrete in tal senso.

Il suo presidente ha recentemente avvertito riguardo a Prigozhin: «Dio solo sa cosa farà ora. Se fossi in lui, starei attento a ciò che mangio. Terrei d'occhio il menu», ha detto Joe Biden.

Secondo il Pentagono, i mercenari Wagner non hanno più un ruolo in Ucraina. Il gruppo «non partecipa più in modo significativo al sostegno delle operazioni di combattimento» nel Paese confinante attaccato, come riporta la BBC.

SDA