Famosa YouTuber condannata a 15 anni di carcere

SDA

30.9.2021 - 19:30

Il presidente del Ruanda Paul Kagame (foto d'archivio)
Keystone

L'accusa è di «incitamento alla violenza» tramite il proprio canale YouTube dopo i suoi attacchi al presidente del Ruanda, Paul Kagame: lo ha deciso oggi, giovedì, l'Alta corte di Kigali emettendo la sentenza contro la 42enne Yvonne Idamange.

SDA

30.9.2021 - 19:30

Condannata a 15 anni di carcere per, alla donna è stato anche ordinato di pagare anche 2.000 dollari di multa, mentre l'accusa aveva chiesto 30 anni di galera e una somma di 6.000 dollari.

Madre di quattro figli, Idamange, sopravvissuta al genocidio del 1994, è stata arrestata a febbraio per «aver presentato un comportano che mescola politica, criminalità e follia», come afferma dalla polizia.

Dal suo popolare canale YouTube denominato 'Idamange', la donna aveva accusato Kagame e il suo governo di dittatura e di aver sfruttato il genocidio senza dare sufficiente tutela ai sopravvissuti.

Il suo canale conta 18.900 iscritti e una media di 100 mila visitatori a video. Idamange ha accusato l'Alta corte ruandese di pregiudizio e ha boicottato il processo dopo che la sua richiesta di trasmissione online delle udienze è stata respinta.

Il governo di Kagame, affermatosi dopo il genocidio di 800 mila Tutsi e Hutu moderati, è stato spesso criticato per abusi sui diritti umani. A marzo l'organizzazione non governativa Human Rights Watch (Hrw) aveva parlato di repressione delle libertà di espressione per quanti manifestano la propria opinione mediante blog o YouTube.

SDA