Guerra in Ucraina

Russi dentro e intorno all'impianto Azot a Severodonesk

SDA

15.6.2022 - 09:07

Le forze russe sono all'interno e intorno all'impianto chimico Azot di Severodonetsk e alle forze ucraine ivi asserragliate hanno intimato di arrendersi.
Keystone

Le forze russe sono all'interno e intorno all'impianto chimico Azot di Severodonetsk (regione di Lugansk nel Donbass), e alle forze ucraine ivi asserragliate hanno intimato di arrendersi stamane.

SDA

15.6.2022 - 09:07

Secondo quanto riporta il Guardian, il generale Mikhail Mizintsev, l'ufficiale che era a capo dell'assedio di Mariupol, ha detto che i combattenti dovrebbero «fermare la loro insensata resistenza e deporre le armi» a partire dalle 8 del mattino ora di Mosca (le 7 in Svizzera).

Ieri il sindaco Oleksandr Stryuk ha affermato che dentro la fabbrica ci sono anche 560 civili. Su Twitter, l'intelligence delle Ministero della Difesa britannico conferma che diverse centinaia di civili ucraini si sono rifugianti nei bunker della fabbrica. Secondo la fonte l'operazione per snidare i combattenti ucraini dai sotterranei dell'impianto chimico Azot probabilmente impedirà temporaneamente alla Russia di riassegnare le sue unità per operazioni militari in altre zone.

«Dopo oltre un mese di pesanti combattimenti, le forze russe controllano ora la maggior parte di Severodonetsk. Le tattiche di guerra urbana della Russia, che si basano sull'uso massiccio dell'artiglieria, hanno generato ingenti danni collaterali in tutta la città», aggiungono i servizi di spionaggio britannici.

Intanto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky afferma che: «È fondamentale rimanere nel Donbass. (...) La difesa della regione (sud-orientele) è essenziale per dare un'indicazione di chi dominerà (sul campo) nelle prossime settimane». Per le forze ucraine attualmente «l'obiettivo chiave è la liberazione di Kherson, nel meridione del Paese. Ci muoveremo verso questa direzione passo dopo passo», ha anche detto Zelensky.

«Nell'ultimo giorno nella battaglia del Donbass non ci sono stati cambiamenti drastici. I combattimenti più feroci, si sono svolti a Severodonetsk e in tutte le città e comunità vicine», ha detto il presidente ucraino nel suo discorso su Telegram, aggiungendo che «sfortunatamente, ci sono perdite e sono dolorose». Tuttavia, ha detto ancora, «è fondamentale rimanere nel Donbass, e più perdite vi subisce il nemico, meno forza avrà per continuare l'aggressione».

«Continuiamo a dire ai nostri partner che l'Ucraina ha bisogno di moderni sistemi di arma antimissile perché il nostro paese non ne dispone di una quantità sufficiente», ha poi sottolineato Zelensky. «Anche se ogni giorno che passa i missili moderni in Russia sono sempre meno, l'Ucraina ha bisogno di tali sistemi. Perché la Russia ha ancora abbastanza missili di tipo sovietico, che sono ancora più pericolosi. Sono molto meno precisi e quindi molto più pericolosi per gli oggetti civili e i normali edifici residenziali», ha aggiunto.

Ieri il vice ministro della Difesa ucraino Anna Malyar, citata dai media locali, ha dichiarato che «l'Ucraina ha ricevuto solo il 10% delle armi promesse dall'Occidente e dovrebbero accelerare i tempi di consegna». «Non possiamo aspettare a lungo, perché la situazione è molto complicata», aggiunge, riferendosi ai progressi russi nella regione orientale del Donbass, dove le forze di Mosca stanno spingendo per il controllo dell'intera regione di Lugansk.

SDA