Violenze

Russia: per l''80% delle donne omicide era autodifesa

ATS

25.11.2019 - 11:59

Spesso le donne hanno reagito, non agito.
Source: KEYSTONE/EPA/YURI KOCHETKOV

Quattro donne su cinque condannate per omicidio volontario in Russia sono state vittime di violenza domestica e hanno agito per difesa. Lo riporta un'inchiesta pubblicata da Novaya Gazeta e dalla testata Mediazona.

L'analisi per mezzo di software di 2500 sentenze di omicidio volontario emesse tra il 2016-2018 ha infatti rilevato che il 79% delle donne condannate ha agito per autodifesa; allo stesso tempo, oltre la metà (52%) delle 1700 donne condannate per aggressione (con esito mortale) ha agito per legittima difesa. Entrambe le accuse comportano pene detentive fino a 15 anni.

I magistrati hanno un «forte incentivo» a qualificare gli atti di autodifesa come omicidi, così da soddisfare le «loro quote», ha detto a Mediazona un pubblico ministero veterano di San Pietroburgo. «La cosa principale per le forze dell'ordine è che non ci siano assoluzioni», ha detto il magistrato, protetto dall'anonimato.

Tornare alla home page

ATS