Conflitti

La Russia pone condizioni alla visita dell'Aiea alla centrale di Zaporizhzhia

SDA

16.8.2022 - 09:28

La Russia ha posto alcune condizioni per la visita dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica.
La Russia ha posto alcune condizioni per la visita dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica.
Keystone

Le Nazioni Unite hanno la capacità logistica e di sicurezza per fornire assistenza a una visita degli ispettori dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea) alla centrale nucleare ucraina di Zaporizhzhia: lo ha dichiarato un portavoce Onu.

SDA

16.8.2022 - 09:28

Tuttavia, un diplomatico russo ha imposto delle condizioni, affermando che un'eventuale missione non deve passare attraverso la capitale ucraina poiché è troppo pericoloso. Lo riporta il Guardian.

Mosca aveva affermato domenica che l'Aiea «non dovrebbe rinviare la visita» alla centrale e dovrebbe inviare una sua missione all'impianto «a fine agosto o inizio settembre».

È pericoloso attraversare la linea del fronte

Il portavoce dell'Onu, Stephane Dujarric, ha detto che «in stretto contatto con l'Aiea, il segretariato dell'Onu ha valutato che in Ucraina esiste la capacità logistica e di sicurezza per poter sostenere qualsiasi missione dell'Aiea alla centrale nucleare di Zaporizhzhia da Kiev». Aggiungendo però che la Russia e l'Ucraina devono essere d'accordo.

Tuttavia, il vice capo del dipartimento per la proliferazione nucleare e il controllo degli armamenti del ministero degli Esteri russo – Igor Vishnevetsky – ha sostenuto che una missione dell'Aiea non potrebbe passare attraverso la capitale ucraina e attraverso la linea del fronte perché sarebbe troppo pericoloso.

«Immaginate cosa significhi passare per Kiev: significa arrivare alla centrale nucleare attraverso la linea del fronte. Questo è un rischio enorme, dato che le forze armate ucraine non sono composte in modo omogeneo», ha detto Vishnevetsky, secondo quanto riporta l'agenzia di stampa statale russa RIA.

Da parte sua, l'agenzia di stampa russa Tass ha citato Vishnevetsky affermando che qualsiasi missione di questo tipo non ha il mandato di affrontare la «smilitarizzazione» dell'impianto – come richiesto da Kiev – perché potrebbe occuparsi solo dell'«adempimento delle garanzie dell'Aiea».

Missione a fine agosto o inizio settembre

Il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha già chiesto la fine delle attività militari intorno all'impianto. E il ministro della Difesa russo e il capo delle Nazioni Unite hanno discusso telefonicamente della situazione della sicurezza nell'impianto, ha reso noto il ministero della Difesa russo.

Secondo quanto affermato domenica in un'intervista alla Tass dal rappresentante permanente della Russia presso le Organizzazioni internazionali a Vienna, Mikhail Ulyanov, Mosca ritiene che l'Aiea «non dovrebbe rinviare la visita alla centrale nucleare di Zaporizhzhia» e dovrebbe inviare una sua missione all'impianto «a fine agosto o inizio settembre». «Ma non tutto dipende da noi», aveva aggiunto il diplomatico.

SDA