Cremlino nervoso

Se l'Occidente consegna carri armati, Mosca minaccia la guerra nucleare

Di Andreas Fischer

24.1.2023

Nell'immagine illustrativa d'archivio quattro carri armati Leopard 2 A5 della Bundeswehr del battaglione carri PzBtl 413 durante un'esercitazione nell'area di addestramento di Munster (Bassa Sassonia) nel 2014.
Nell'immagine illustrativa d'archivio quattro carri armati Leopard 2 A5 della Bundeswehr del battaglione carri PzBtl 413 durante un'esercitazione nell'area di addestramento di Munster (Bassa Sassonia) nel 2014.
imago images/Björn Trotzki

I vassalli di Putin suonano sempre più stridenti: temendo la consegna Leopard, Challenger e altri carri armati, minacciano ancora una volta di usare la bomba nucleare per intimidire l'Occidente. Quanto sono gravi le nuove minacce?

Di Andreas Fischer

24.1.2023

Alcuni Paesi hanno già promesso carri armati e il fatto che anche l'Ucraina riceverà i Leopard, nonostante l'esitazione del governo tedesco, sembra essere solo una questione di tempo: stamattina la Polonia ha infatti chiesto ufficialmente alla Germania il relativo permesso di esportazione.

Il dibattito sui tank in Occidente e i passi sempre più concreti verso la consegna a Kiev sembrano rendere il Cremlino piuttosto nervoso – e non a caso: «Con la consegna di carri armati, l'Occidente si allontanerebbe dalla sua politica precedente. I tank sono armi offensive che potrebbero essere usate per respingere l'esercito russo dal territorio occupato», spiega Ulrich Schmid, professore di cultura e società russa all'Università di San Gallo, interpellato da blue News.

Toni stridenti da Mosca

Da giorni, quindi, i propagandisti russi minacciano ritorsioni e usano toni sempre più stridenti nei talk show e nei notiziari della televisione di Stato. Ad esempio, Dmitry Kiselyov, uno dei volti televisivi più noti della Russia, si è chiesto: «Una potenza nucleare non può essere sconfitta in ogni caso, quindi perché gli ucraini dovrebbero avere i carri armati?».

Ma non è solo l'élite della propaganda di Vladimir Putin a brandire la clava nucleare. Anche il capo della Duma russa, Vyacheslav Volodin, minaccia misure drastiche: «Con le loro decisioni, Washington e Bruxelles stanno conducendo il mondo verso una guerra terribile: un tipo di guerra completamente diverso da quello attuale, in cui vengono attaccati esclusivamente i militari e le infrastrutture critiche del regime di Kiev», scrive sul suo canale Telegram.

Putin vuole soprattutto intimidire

L'annuncio di un'escalation nucleare, tuttavia, non è una novità in questa guerra. Già all'inizio dell'invasione dell'Ucraina, il presidente russo aveva avvertito l'Occidente di «conseguenze senza precedenti» in caso di interferenze.

«La minaccia di usare le armi nucleari è essa stessa usata come un'arma», afferma l'esperto di Russia Schmid, classificando la credibilità delle ripetute minacce di Mosca. «L'Occidente e soprattutto l'opinione pubblica occidentale devono esserne intimoriti».

Questo include anche la presentazione di presunte «armi miracolose», come il nuovo siluro nucleare «Poseidon»: «Anche qui la propaganda militare è in primo piano. Putin ha ripetutamente sottolineato che la Russia ha presumibilmente un vantaggio in termini di armamenti rispetto all'Occidente». Questo vantaggio sarebbe a dire di Mosca «la garanzia finale della vittoria russa».

Anche il think tank statunitense «Institute for the Study of War» (ISW) ritiene poco plausibile l'attuale retorica della deterrenza da parte di Mosca. L'ISW «continua a ritenere altamente improbabile che la Russia utilizzi armi nucleari in Ucraina e straordinariamente improbabile che le usi contro l'Occidente».

Armi nucleari ignorate per anni

Tuttavia, le voci caute temono che non si possa assolutamente escludere un uso di armi nucleari da parte di Putin. Per lo storico di Stanford Niall Ferguson, in un'intervista all'«Aargauer Zeitung», la domanda cruciale è: «Putin potrebbe usare le armi nucleari se vede che non può vincere la guerra in Ucraina?».

L'esperto di sicurezza Oliver Thränert, del Centro per la politica di sicurezza del Politecnico di Zurigo, aveva espresso un'opinione simile all'inizio della guerra in Ucraina in un'intervista a blue News: «Ci sono molti pianificatori militari in tutte le potenze nucleari che si occupano quotidianamente della questione di come condurre e concludere una guerra con l'uso di armi nucleari. Solo che negli ultimi 30 anni quasi nessuno voleva ammetterlo».

Più potenze nucleari, più pericolo

L'umanità sottovaluta i rischi crescenti delle armi di distruzione di massa, afferma Ferguson: «Abbiamo smesso di pensare al pericolo nucleare nel 1991, almeno fino alla guerra in Ucraina». Ora però si profila una nuova era atomica.

Il tutto è causalmente legato alla guerra contro l'Ucraina: «La lezione più ovvia è: mai rinunciare alle armi nucleari! E se non ne avete, procuratevene», spiega Ferguson.

Dopo il crollo dell'Unione Sovietica, l'Ucraina aveva armi nucleari proprie. In cambio della loro rinuncia, nel 1994, con il Memorandum di Budapest, è stata promessa la protezione della sua sovranità territoriale.

Per Ferguson è quindi chiaro che nei prossimi anni ci sarà un aumento significativo delle potenze nucleari. «E un mondo con molti Paesi dotati di armi atomiche è un mondo pericoloso. Quando ci sono più armi nucleari, aumenta la probabilità che vengano effettivamente usate». Il 58enne Ferguson scommette addirittura che si assisterà a un'altra guerra nucleare.