12 giorni dopo la visita di Pelosi

Una delegazione statunitense si è recata a Taipei

SDA

14.8.2022 - 19:34

Una delegazione del Congresso statunitense, con alla guida il senatore democratico Ed Markey, si è recata - un po' a sorpresa - a Taipei.
Una delegazione del Congresso statunitense, con alla guida il senatore democratico Ed Markey, si è recata - un po' a sorpresa - a Taipei.
AP

Una delegazione del Congresso statunitense, con alla guida il senatore democratico Ed Markey, si è recata - un po' a sorpresa - a Taipei, a 12 giorni dalla visita della speaker della Camera Nancy Pelosi. Lo riferisce l'agenzia statale Cna.

SDA

14.8.2022 - 19:34

Con Markey, secondo l'American Institute in Taiwan (ambasciata statunitense de facto), ci sono i deputati democratici John Garamendi, Alan Lowenthal e Don Beyer, e la deputata repubblicana Aumua Amata Coleman Radewagen.

Durante la missione, che si chiuderà domani 15 agosto e che fa parte di una visita più ampia nell'Indo-Pacifico, la delegazione avrà a Taipei incontri di alto livello per discutere di relazioni bilaterali e sicurezza regionale.

La presidente Tsai incontrerà la delegazione

Tra gli altri, a incontrare la delegazione statunitense ci sarà la presidente di Taiwan Tsai Ing-wen. Lo ha riferito il Ministero degli Esteri dell'isola, esprimendo il benvenuto ai parlamentari.

La delegazione incontrerà anche il ministro degli Esteri Joseph Wu e visiterà il Comitato per gli Affari esteri e quello per la Difesa nazionale del parlamento taiwanese.

«Quando il presidente Markey era un membro del Congresso statunitense nel 1979, votò per il Taiwan Relations Act ed è uno dei pochi membri del Congresso che ha partecipato alla legislazione del Taiwan Relations Act ed è ancora in carica», si legge ancora nella nota, in cui si sottolinea il suo impegno nella promozione delle relazioni tra Usa e Taiwan.

Mentre la Cina continua a intensificare le tensioni regionali, il Congresso americano «ha organizzato ancora una volta una delegazione di alto livello per visitare Taiwan e per dimostrare amicizia, senza temere le minacce e le intimidazioni della Cina e per dimostrare il forte sostegno degli Stati Uniti a Taiwan», si legge ancora.

SDA