Tensioni Timori per Wagner, Varsavia sposta mille soldati a Est

SDA

9.7.2023 - 09:22

Il ministro della difesa polacco Mariusz Blaszczak
Il ministro della difesa polacco Mariusz Blaszczak
Keystone

La Polonia ha iniziato a spostare più di 1'000 soldati nell'Est del Paese dopo la decisione del presidente russo Vladimir Putin di offrire ai mercenari del gruppo Wagner di Yevgeny Prigozhin la possibilità di trasferirsi in Bielorussia.

9.7.2023 - 09:22

Varsavia teme che la loro presenza possa causare un aumento della tensione al confine.

«Oltre 1'000 soldati e quasi 200 unità di equipaggiamento della 12esima e 17esima brigata stanno iniziando a spostarsi nell'Est del Paese», ha scritto oggi su Twitter il ministro della Difesa polacco Mariusz Błaszczak, «questa è una risposta ai tentativi di destabilizzazione vicino al confine del nostro Paese».

Discutere di Zaporizhzhia

Intanto, la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha scritto su Telegram che i leader della NATO dovrebbero discutere della centrale nucleare ucraina di Zaporizhzhia al vertice a Vilnius, in Lituania, la prossima settimana: «dopotutto, la stragrande maggioranza dei membri dell'Alleanza si troverà nella zona di impatto diretto» se dovesse accadere qualcosa nello stabilimento», ha indicato.

Accusando l'Ucraina di «danni sistematici» all'impianto, Zakharova ha affermato che «dovrebbe esservi dedicata l'attenzione principale del vertice Nato. Vilnius si trova a circa 1'000 chilometri dalla centrale nucleare».

Di nuovo al fronte i comandati del battaglione Azov

Intanto, torneranno subito al fronte i comandanti del battaglione Azov rientrati sabato in Ucraina da Istanbul con il presidente Volodymyr Zelensky dopo la prigionia in Russia e 300 giorni in Turchia in base agli accordi dello scambio di prigionieri con Mosca. Il comandante Denis Prokopenko «Redis», il suo vice Svyatoslav Palamar «Kalina», il comandante della 36esima brigata del Corpo dei Marine Sergey Volynsky «Volyn», l'alto ufficiale di «Azov» Oleg Khomenko e il comandante della 12esima brigata della Guardia nazionale Denis Shlega hanno preso parte ieri sera ad una conferenza stampa a Leopoli in cui hanno affermato che tornare a combattere per l'Ucraina è «l'obiettivo principale».

«Voglio ringraziare ancora una volta sinceramente il signor Presidente, la sua squadra, le forze di difesa e ogni soldato che ha difeso le nostre madri e continua a combattere contro l'occupante al fronte mentre noi eravamo in prigione. Questo è un grande contributo alla nostra indipendenza la lotta per il nostro stato, la sovranità e l'integrità territoriale. Sono profondamente convinto che l'esercito sia un lavoro di squadra, e da oggi continueremo la lotta insieme a voi, diremo sicuramente la nostra voce nella battaglia», ha detto Redis.

I cinque comandanti hanno difeso strenuamente per mesi l'acciaieria Azovstal di Mariupol.

SDA