Incursione a Mar-a-Lago

Trump elimina la segretezza dei documenti «solo pensandoci su»

Di Philipp Dahm

25.9.2022

A «Hannity» su Fox News, Donald Trump (a sinistra) rivela ancora una volta la propria visione delle cose.
A «Hannity» su Fox News, Donald Trump (a sinistra) rivela ancora una volta la propria visione delle cose.
Screenshot Fox News

Donald Trump viene intervistato da un conduttore televisivo suo amico nel programma «Hannity». Ecco cosa è arrivato dire.

Di Philipp Dahm

25.9.2022

La sicurezza a Mar-a-Lago è così buona, afferma Donald Trump. «Abbiamo gli incredibili servizi segreti, e sono ovunque: è così per gli ex presidenti».

Poi il 76enne si scuote. «Odio usare la parola ex, perché ho molti problemi con quello che è successo». È uno dei pochi momenti dell'intervista con il conduttore di «Fox News» Sean Hannity che appare obiettivo e accurato. Altrimenti, l'ex presidente sembra vivere in un mondo parallelo.

Non si tratta delle solite esagerazioni a cui si è già abituati da parte sua. «Sono stati così terribili con così tante persone quando le hanno attaccate, nella loro casa», dice a proposito del raid dell'FBI a Mar-a-Lago, per esempio. Parla di fucili d'assalto AK-47 e «di un attacco o di un'incursione dell'FBI, o di un'irruzione».

«Non c'è bisogno di una procedura per declassificare i documenti, se sei il presidente»

Né può sorprendere che Trump pensi che la guerra in Ucraina non sarebbe avvenuta con lui o che Vladimir Putin non avrebbe minacciato di usare armi nucleari. Ancora una volta, accusa Hillary Clinton di aver spiato la sua campagna elettorale: se l'avesse fatto al suo predecessore Barack Obama, sarebbe stata una «condanna a morte».

Niente AK-47 e nemmeno l'FBI: agenti dei servizi segreti fuori da Mar-a-Lago, in Florida, un giorno dopo l'irruzione nel lussuoso club di Trump.
Niente AK-47 e nemmeno l'FBI: agenti dei servizi segreti fuori da Mar-a-Lago, in Florida, un giorno dopo l'irruzione nel lussuoso club di Trump.
EPA

Ma due affermazioni spiccano. Quando Hannity chiede a Trump quale sia la procedura utilizzata per declassificare i documenti classificati, il newyorkese risponde: «Per quanto ne so, non c'è bisogno di una procedura. Se sei il Presidente degli Stati Uniti, puoi declassificarli dicendo che sono declassificati. Anche solo pensandoci».

Semplicemente inviando i documenti nella sua residenza di lusso in Florida, li aveva declassificati. E comunque, gli Archivi Nazionali sono gestiti dalla sinistra radicale, ha detto: se avesse consegnato i documenti, molti di essi sarebbero scomparsi, sostiene.

«Hanno cercato le email di Hillary Clinton?»

La cosa si fa ancora più assurda: l'ex presidente suggerisce che l'incursione potrebbe non essere stata fatta su di lui. «Stavano cercando le email di Hillary Clinton che sono state cancellate ma che devono essere da qualche parte?». Questo ora confonde persino Sean Hannity, che è un grande fan di Trump. «Aspetta, aspetta, stai dicendo che le avevi?». «No, no, ma potrebbero aver pensato che [le e-mail] fossero lì».

A questo punto, anche Hannity preferisce cambiare rapidamente argomento. Non è una buona cosa per il suo amico, in ogni caso. Una corte d'appello ha permesso all'FBI di continuare a setacciare i documenti sequestrati in Florida. Un giudice federale aveva precedentemente stabilito che un esperto indipendente dovesse prima esaminarli.

YouTube / Fox News

L'incarico sarebbe stato assunto dal giudice capo Raymond Dearie, nominato dal repubblicano Ronald Reagan. Tuttavia, Dearie non ha voluto accettare l'argomentazione di Trump di aver declassificato i file. Il motivo: l'ex presidente non può presentare alcuna prova che lo avesse fatto.

Non è una sorpresa, ora lo sappiamo. Dopo tutto, il processo di declassificazione è avvenuto tutto nella sua testa.