Guerra in Ucraina

Raid e morti anche a Pasqua

SDA

24.4.2022 - 20:52

epa09907026 A Military chaplain blesses Ukrainian soldiers not far from their positions at a village not far from Izyum city of Kharkiv area, Ukraine, 24 April 2022, amid the Russian invasion. According to the Julian calendar, the Eastern Orthodox world celebrate Easter Day on 24 April. Easter is celebrated around the world by Christians to mark the resurrection of Jesus Christ from the dead and the foundation of the Christian faith. EPA/STR
Un cappellano militare benedice i soldati ucraini non lontano dalle loro posizioni in un villaggio non lontano dalla città di Izyum nell'area di Kharkiv, Ucraina, il 24 aprile 2022. EPA/STR
KEYSTONE/EPA/STR

Mentre milioni di fedeli celebravano la Pasqua ortodossa tra preghiere e suppliche di pace, intensi combattimenti sono proseguiti su diversi fronti nell'est e nel sud. E dopo il raid missilistico di ieri, cresce l'allarme anche a Odessa, che ora teme un attacco con armi chimiche.

SDA

24.4.2022 - 20:52

Il terzo mese della guerra di Vladimir Putin in Ucraina comincia con nuovi attacchi nel Donbass, dove ci sono stati bombardamenti senza sosta sull'acciaieria Azovstal, rifugio degli ultimi resistenti di Mariupol.

Le ultime piccole vittime dell'invasione russa sono due bambine di 14 e 5 anni, rimaste uccise a Donetsk, nel villaggio di Ocheretny, dove la loro casa è stata distrutta in un attacco, secondo il governatore della regione Pavlo Kyrylenko. I

bambini restano drammaticamente al centro delle cronache del conflitto. Come avvenuto a Odessa, che oggi piange insieme a tutto il Paese la morte della piccola Kira di soli 3 mesi, uccisa insieme alla madre Valeria e altre sei persone nel bombardamento di ieri.

Secondo l'ultimo bollettino delle Nazioni Unite, le vittime tra i minori sono almeno 184, in un calcolo per difetto vista la difficoltà delle verifiche sul terreno, mentre le autorità ucraine parlano di 213 vittime e 389 feriti accertati.

A Odessa cresce la paura di armi chimice

A Odessa cresce anche il timore di un attacco con armi non convenzionali, dopo che Mosca ha accusato Kiev di pianificare un'operazione provocatoria con l'uso di ammoniaca nel distretto portuale di Yuzhny, per attribuirne la colpa alle forze russe e accusarle di aver preso di mira i civili: una denuncia che le autorità ucraine interpretano invece come una minaccia camuffata da avvertimento.

L'offensiva per la conquista dell'intero territorio del Donbass continua intanto a suon di bombe negli oblasti di Donetsk e Lugansk. Nuovi raid si segnalano anche su Kharkiv, dove è stato ferito un 12enne, mentre i russi denunciano un contrattacco ucraino nel loro territorio, nella regione frontaliera di Belgorod.

La situazione più drammatica resta al momento quella di Mariupol, dove non si vedono spiragli per la fine dell'assedio.

«Oggi, a Pasqua, gli invasori russi continuano a bombardare e tentare di assaltare l'impianto Azovstal nella città assediata di Mariupol, lanciando attacchi aerei sulle teste dei bambini», ha accusato in un videomessaggio il capitano Sviatoslav Palamar, vicecomandante del reggimento Azov, che resta asserragliato nell'impianto siderurgico con circa duemila combattenti, insieme ai marines dell'esercito ucraino, affermando che i russi continuano «a lanciare attacchi aerei, sparano con cannoni, carri armati e cannoni navali».

A Azovstal ancora centinaia di civili

Nell'acciaieria rimangono bloccati centinaia di civili, tra cui molte donne e bambini anche neonati, mentre continuano gli appelli internazionali a Mosca a consentire un'evacuazione urgente. «Il luogo in cui si trovano i nostri civili e i soldati è bersagliato da pesanti bombardamenti aerei, fuoco di artiglieria e da un'intensa concentrazione di forze e attrezzature per l'assalto», ha denunciato Mykhailo Podolyak, consigliere del presidente Volodymyr Zelensky.

I corridoi umanitari da Mariupol in direzione Zaporizhzhia, però, sono falliti ancora una volta. Un nuovo tentativo è previsto nella giornata di lunedì, ha spiegato la vicepremier di Kiev, Iryna Vereschuk, avvertendo i cittadini di «stare attenti e vigili» contro il rischio che venga organizzato un «corridoio parallelo che porti in territori russi». E dai piani di evacuazione, al momento, restano tagliati fuori i civili all'interno dell'Azvostal.

SDA