Rapporti con Svizzera non sull'agenda della presidenza francese

nw, ats

3.12.2021 - 09:32

L'ambasciatore francese Frédéric Journès in un'immagine d'archivio in compagnia della consigliera federale Simonetta Sommaruga.
Keystone

Secondo l'ambasciatore di Francia in Svizzera non sono previste tappe particolarmente importanti nei rapporti tra la Confederazione e l'Unione.

nw, ats

3.12.2021 - 09:32

Insomma, le relazioni con Berna non sono una priorità della prima metà del 2022, ha spiegato l'ambasciatore Frédéric Journès in un'intervista pubblicata oggi dalla Neue Zürcher Zeitung. Il presidente francese Emmanuel Macron renderà noti i principali punti del programma del semestre nel corso di questo mese.

La Svizzera, dal canto suo, deve essere cosciente che «abbiamo un problema», ha sottolineato l'ambasciatore. Solo perché la Confederazione ha interrotto le trattative sull'accordo quadro, non vuol dire che le domande ad esso legate siano sparite.

Senza regole che inquadrano la ripresa del diritto e la gestione dei conflitti, la via bilaterale si sta erodendo in maniera visibile, ha continuato Journès. Gli accordi bilaterali per settore sono infatti stati creati in altri tempi e spesso non sono più sufficienti a coprire le attuali relazioni.

«L'Ue non è più pronta ad aggiornare i bilaterali senza aver trovato una soluzione a livello istituzionale», ha detto ancora l'ambasciatore francese. A suo dire, negli ultimi anni Berna si è allontanata da Bruxelles. Le due parti devono quindi tornare a sedersi il prima possibile attorno a un tavolo per discutere.

nw, ats