Giorno della Vittoria

Vladimir Putin ha parlato poco, per dire cosa? L'analisi

Di Andreas Fischer

10.5.2022

Il presidente russo Vladimir Putin entra nella Piazza Rossa per partecipare alla parata militare del Giorno della Vittoria a Mosca, Russia, 09 maggio 2022. La Russia segna il Giorno della Vittoria, la resa incondizionata della Germania nazista nella seconda guerra mondiale, con la parata annuale nella Piazza Rossa di Mosca il 09 Maggio, dopo più di due mesi di attacchi all'Ucraina.
Il presidente russo Vladimir Putin entra nella Piazza Rossa per partecipare alla parata militare del Giorno della Vittoria a Mosca, il 09 maggio 2022.
KEYSTONE/EPA/MAXIM SHIPENKOV

Non c'è stato il big bang il Giorno della Vittoria: Vladimir Putin incolpa l'Occidente per la guerra in Ucraina, ma per il resto rimane sul vago. Un esperto spiega cosa significa il suo breve discorso.

Di Andreas Fischer

10.5.2022

Dieci minuti. Questo è il tempo che il presidente russo Vladimir Putin si è preso lunedì mattina per il suo discorso del Giorno della Vittoria. Cosa temeva l'Occidente? Una mobilitazione generale, una dichiarazione ufficiale di guerra all'Ucraina, un'ulteriore escalation della guerra e persino l'annuncio di attacchi nucleari tattici.

In un'intervista a blue News di qualche giorno fa, l'esperto di Russia Ulrich Schmid aveva considerato «probabile» l'annuncio di «un referendum a Donetsk e Luhansk».

Non è successo niente del genere. Mentre alcuni osservatori, come la corrispondente di SRF Luzia Tschrirky, hanno sentito un discorso «privo di contenuto», altri hanno trovato aspetti abbastanza notevoli nel breve discorso di Putin. Dopo tutto, lo Zar ha menzionato per la prima volta le vittime e ha commemorato le famiglie dei caduti e dei feriti, come se avesse capito che non poteva più nascondere la guerra al suo stesso popolo.

Perché Putin si astiene dal fare annunci concreti?

Cosa significa che Putin è rimasto piuttosto vago nel suo discorso del Giorno della Vittoria? Ulrich Schmid, professore di cultura e società russa all'Università di San Gallo, interpellato da blue News, vede nel «sobrio discorso» l'«espressione di un nuovo pragmatismo politico che ha imparato dai contraccolpi dell'aggressione all'Ucraina». Putin «probabilmente dichiarerà la vittoria solo quando controllerà davvero le regioni di Luhansk e Donetsk».

Cosa significano i nuovi obiettivi di guerra?

Nel suo discorso, Putin si è allontanato dal suo obiettivo massimo di conquistare tutta l'Ucraina e si è concentrato molto sul Donbass. Schmid conferma l'ipotesi che potrebbe aver cambiato ufficialmente gli obiettivi di guerra: «Sì, si tratta di conquistare le zone di Luhansk e Donetsk». Schmid non vede alcun segno di un ritiro parziale da parte della Russia o anche un'ammissione indiretta di debolezza. Non ci sarà nessun ritiro senza un risultato presentabile. «L'attenzione ora è sulla conquista dei territori».

Il resto dell'Ucraina è al sicuro ora?

I mutati obiettivi di guerra non significano che Kiev e l'Ucraina occidentale siano di nuovo «al sicuro»: «C'è appena stato un altro attacco missilistico su Kiev», ricorda Schmid. «Il segnale è: gli attacchi russi sono ancora da aspettarsi in tutta l'Ucraina». lo dimostrano inoltre gli attacchi recenti sulla città di Odessa.

Cosa significa la nuova giustificazione di Putin per la guerra?

Vladimir Putin ha cambiato la narrazione della guerra nel suo discorso. Non ha più parlato di un genocidio di etnia russa in Ucraina che deve essere impedito, né di denazificazione. Invece, Putin chiama l'Ucraina un satellite della NATO e degli Stati Uniti.

Schmid ritiene che Putin deve stare attento «a non far apparire se stesso e la leadership del Cremlino come nazisti». Il presidente ucraino Zelensky «ha fatto un chiaro parallelo tra l'aggressione russa contro l'Ucraina e l'occupazione nazista del suo Paese in un discorso video di domenica».

La ragione per cui Putin ora chiama gli Stati Uniti e la NATO il nemico, piuttosto che la leadership ucraina, è perché «è più facile trasmettere alla popolazione russa che si sta combattendo l'Occidente».

Putin è ora pronto a negoziare?

Il fatto che Putin stia riducendo gli obiettivi russi alla conquista del Donbass e cambiando l'immagine del nemico potrebbe essere una mossa per giustificare per se stesso la via dei negoziati, ha analizzato il politologo di Bonn Andreas Heinemann-Grüder sul canale di notizie tedesco Phoenix. Putin metterebbe così il presidente ucraino sotto pressione, per così dire, per fare compromessi sul Donbass in modo che la guerra possa finire.

Schmid non è d'accordo: «Al momento, non ci sono negoziati in vista», ritiene l'esperto dell'Europa orientale. Inoltre, il morale dei combattenti ucraini è intatto, al momento.

La dichiarazione di Putin riguardo a come Mosca abbia ripetutamente cercato di raggiungere un accordo per una soluzione di sicurezza internazionale, mentre la Nato ha iniziato ad aprire militarmente il territorio ucraino, potrebbe essere intesa come un espediente per screditare l'Ucraina come partner negoziale sovrano. «Putin vorrebbe naturalmente negoziare direttamente con gli Stati Uniti - come ha fatto prima della guerra», spiega Ulrich Schmid. Ma: «L'Occidente dovrebbe sostenere l'Ucraina come partner negoziale sovrano».