«27 morti nella casa anziani di Sementina»: il MPS interpella il Governo

SwissTTX / pab

26.4.2020 - 14:35

Immagine d'illustrazione
archivio Ti-Press

Emergono le prime indiscrezioni in merito a quanto successo nella casa per anziani di Sementina, dove - secondo il Movimento per il socialismo (MPS) - ben 27 ospiti su 80 sarebbero morti a causa del coronavirus.

Stando alla compagine politica, le visite sarebbero continuate fino al 17 marzo, quando invece le direttive cantonali le vietavano già da oltre una settimana.

I pranzi inoltre sarebbero stati consumati in comune per giorni dopo l’insorgere del primo caso e il personale (sottoposto in ritardo a sistematiche verifiche mediche) sarebbe stato costretto a riutilizzare materiale di protezione monouso.

Per questo motivo, il MPS chiede ora verifica con un’interpellanza al Consiglio di Stato. 

29 case anziani toccate su 68

Venerdì 24 aprile, in conferenza stampa, le autorità cantonali non avevano voluto entrare nel merito dei singoli casi e non avevano quindi citato nessun istituto.

Si erano limitati, per voce del medico cantonale Giorgio Merlani, a spiegare che il COVID-19 aveva infettato persone in 29 delle 68 case di riposo ticinesi.

Cinque situazioni richiedevano un monitoraggio da parte del Cantone. In due di essi erano stati imposti provvedimenti. In quel momento il bilancio era di 136 morti e 441 contagi fra i circa 4’600 residenti totali.

Oggi, domenica, il bilancio complessivo dei morti nel cantone è salito di due rispetto a 24 ore prima, raggiungendo così 306 unità. I nuovi contagi sono 19, per un totale di 3'161. 

Ticino e Grigioni giorno per giorno

Tornare alla home page

SwissTTX / pab