Contro il Covid: vaccino, mascherine, ma anche i farmaci

SwissTXT / pab

14.12.2021

Bellinzona: Farmci antitumorali non coperti dalle casse malati. Nella foto tematica, blister di medicamenti tipo antitumorali, che in molti casi non vengono omologato da Swiss Medic e quindi i costi non vengono coperti dalle casse malati Svizzere, ma riconosciuti e utilizzati comunemente  dai medici oncologi nell'Unione Europea.  © Ti-Press / Alessandro Crinari
Immagine d'illustrazione
archivio Ti-Press

Mascherine, distanziamento sociale, vaccino, ma non solo. Oltre agli ormai noti strumenti per combattere il Covid-19, ci sono anche i farmaci. Sono attualmente due i medicamenti utilizzati in Ticino: gli antivirali (gli anticorpi monoclonali) e gli antinfiammatori.

SwissTXT / pab

14.12.2021

«Gli anticorpi monoclonali devono essere somministrati nei primi giorni dei sintomi, idealmente nei primi due, al massimo nei primi cinque per essere veramente efficaci», spiega ai microfoni della RSI Enos Bernasconi, specialista di malattie infettive dell'Ente ospedaliero cantonale.

Per questa ragione è basilare che i medici di base testino precocemente i pazienti a rischio con sintomi influenzali, perché passati i primi cinque giorni la terapia antivirale si indebolisce. E quindi poi si passa agli antinfiammatori: «Siamo già in una fase in cui il danno in vari organi, ma soprattutto nei polmoni, viene fatto dall'infiammazione, che nasce da una reazione eccessiva del corpo contro il virus. Allora diamo degli antinfiammatori, come il cortisone o farmaci più selettivi, come il Tocilizumab e il Baricitinib».

Per quanto riguarda invece le cure da casa il consiglio, in uno stato stazionario, è di utilizzare il paracetamolo.

Gli anticorpi monoclonali  sviluppati a Bellinzona

Ma torniamo alla «novità» (introdotta prima dell'estate): agli anticorpi monoclonali. Attualmente ne vengono somministrati due tipi, uno dei quali sviluppato dall'Istituto di ricerca in biomedicina di Bellinzona: «È un anticorpo interessante per due aspetti: dai primi dati emerge che sarà attivo anche contro la nuova variante Omicron e, rispetto alla concorrenza, ha una durata di vita nel sangue più lunga».

Passi importanti nella lotta contro il Covid, anche perché i continui studi stanno monitorando l'efficacia dei singoli farmaci, ad esempio gli antinfiammatori vanno somministrati quando c'è fabbisogno di ossigeno, mentre, come detto, gli anticorpi perdono la loro efficacia dopo cinque giorni dall'inizio della malattia.

La grande attesa ora? Gli antivirali in pastiglie, da somministrare ai pazienti a rischio il prima possibile, così da evitare il più possibile decorsi gravi.