Urgono da Berna prospettive per le imprese colpite

danu, ats

7.1.2021 - 15:17

Il capo del Dipartimento dell'economia dei Grigioni Marcus Caduff chiede ulteriori aiuti alla Confederazione per le aziende colpite dal probabile prolungamento della chiusura.
Keystone

Il Governo dei Grigioni chiede al Consiglio federale altri sostegni finanziari in tempi rapidi a favore delle imprese colpite dal prolungamento delle chiusure per contrastare il coronavirus. Si chiede una decisione concreta entro il 13 gennaio.

Il Consiglio federale intende prolungare la chiusura dei ristoranti e delle strutture per la cultura, lo sport e il tempo libero fino alla fine di febbraio. La decisione preannunciata per mercoledì prossimo colpisce in pieno un cantone a vocazione turistica come i Grigioni.

Secondo il comunicato odierno dell'Amministrazione cantonale occorre che la Confederazione fornisca in tempi stretti ulteriori aiuti finanziari per rispondere alle conseguenze economiche che dovranno sopportare le imprese colpite. Si ricorda inoltre che queste richieste del Governo retico sono state inviate a Berna a più riprese.

La proroga dei provvedimenti federali giunge nel mezzo della stagione invernale, un periodo di fondamentale importanza dal profilo economico. Il Governo dei Grigioni evidenzia come durante la lotta alla pandemia di coronavirus sia proprio il settore turistico quello che ne porta il maggior peso.

Il Cantone dei Grigioni chiede che i provvedimenti di aiuto nazionali vengano decisi già durante la riunione di mercoledì prossimo e non in quella del 20 gennaio. L'esecutivo retico è pronto a mettere a disposizione ulteriori aiuti cantonali ad integrazione dei provvedimenti federali.

A causa del coronavirus, il conto annuale dei Grigioni 2020 dovrebbe risultare gravato da costi supplementari di circa 65 milioni di franchi, mentre nel 2021 essi dovrebbero aggirarsi sui 90 milioni di franchi, di cui circa 50 risulteranno dal minor gettito fiscale realizzato nel 2020.

Tornare alla home page

danu, ats