Covid-19: superata la soglia dei 600 morti in Ticino

SwissTxt / pab

8.12.2020

Die Intensivstationen der Basler Spitäler füllen sich wieder mit Covid-19-Patienten.
Immagine d'illustrazione.
KEYSTONE

Con i quattro decessi annunciati nelle ultime 24 ore il Ticino ha superato la soglia delle 600 persone decedute a causa del covid-19. Rispetto a lunedì salgono anche i numeri dei pazienti ammessi e dimessi nei nosocomi. Nei Grigioni raddoppiano i casi.

In Ticino nelle ultime 24 ore sono stati censiti 195 nuovi casi di coronavirus, ieri erano stati 116. Il totale dall'inizio della pandemia sale quindi a 17'569.

Dopo che per due giorni di fila, sabato e domenica, si sono registrati 9 decessi al giorno, nell'ultima giornata si sono registrati ulteriori quattro morti, dato che fa salire il computo totale a oltre 600 da febbraio, 602 per la precisione.

Le persone ricoverate sono 31, un numero ben maggiore di quello di ieri (18), mentre quelle dimesse sono 27 (ieri 11). Sono 36 i pazienti che si trovano in cure intense, numero invariato, 31 che necessitano di respirazione assistita (-1).

Cinque nuovi casi in casa anziani

I residenti attualmente positivi nelle case per anziani in Ticino sono 264, cinque in più rispetto a ieri.  Il dato lo si legge sul sito dell’Associazione dei direttori della Case per anziani della Svizzera italiana (ADiCASI).

Sono 26 le strutture, su 68, che segnalano contagi (-1), tre persone in più sono state ospedalizzate e una è deceduta. Undici quelle che sono state dichiarate guarite.

Casi raddoppiati nei Grigioni, 92 decessi nella Confederazione

Nei Grigioni intanto sono stati segnalati nelle ultime 24 ore 97 nuovi casi legati al coronavirus, più del doppio rispetto a lunedì che erano stati 42 (totale da inizio pandemia 5’854). Non ci sono stati nuovi decessi (105).

In Svizzera, nelle ultime 24 ore, si sono registrati 4262 nuovi casi di coronavirus, secondo le cifre pubblicate dall'Ufficio federale di sanità pubblica (UFSP). 92 nuovi decessi sono stati segnalati e 195 persone sono state ricoverate in ospedale.

Tornare alla home page