Giustizia

Scarcerato Paolo Clemente Wicht

SwissTXT

29.11.2018 - 11:27

Secondo la giudice dei provvedimenti coercitivi non sussiste più alcun pericolo di collusione o inquinamento delle prove tale da giustificare la proroga dell'incarcerazione di Wicht (foto d'archivio).
Secondo la giudice dei provvedimenti coercitivi non sussiste più alcun pericolo di collusione o inquinamento delle prove tale da giustificare la proroga dell'incarcerazione di Wicht (foto d'archivio).
Ti-Press

Paolo Clemente Wicht può tornare in libertà.

La sua scarcerazione è stata ordinata giovedì dalla giudice dei provvedimenti coercitivi Ursula Zueblin, che ha accolto la richiesta del difensore, Elio Brunetti, e respinto la domanda di proroga di tre mesi avanzata dal procuratore Andrea Minesso.

Secondo Zueblin non esiste ormai più alcun pericolo di collusione o inquinamento delle prove. I rischi rimasti possono essere scongiurati con delle misure sostitutive all'arresto.

L'ex-presidente dell'UDC ticinese resta comunque indagato per una lunga serie di reati patrimoniali. Accuse che nelle ultime settimane Wicht ha parzialmente ammesso.

Ticino & Grigioni giorno per giorno

Tornare alla home page

SwissTXT