Può essere mortale

Legionellosi, attenzione alle docce calde!

amo

23.9.2022

Una micrografia elettronica del 2009 mostra un grande accumulo di legionella.
KEYSTONE/AP Photo/Janice Haney Carr

La Confederazione vuole saperne di più sulla cosiddetta malattia del legionario. Un progetto di ricerca ha lo scopo di contribuire a ridurre il numero crescente di infezioni. La malattia è fatale in circa il dieci per cento dei casi.

amo

23.9.2022

La malattia del legionario si sta diffondendo in Svizzera. Tra il 1996 e il 2019 sono stati segnalati molti più casi di legionellosi, scrive l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) sul suo sito web.

Lo scorso anno c'è stato un altro aumento: circa 570 casi sono stati segnalati all'UFSP, riferisce la SRF. Nel 2008 i casi erano ancora circa 200. In circa il 70% dei casi, non si sa dove i pazienti siano stati infettati.

La Confederazione vuole ora saperne di più sulla malattia. Un progetto di ricerca avviato due anni fa ha lo scopo di contribuire a ridurre il numero crescente di contagi. Ad esempio, sono in corso ricerche sulle condizioni in cui la legionella, che scatena la malattia del legionario, si sente più a suo agio.

La legionella è un batterio amante del calore che si moltiplica in acqua dolce e può causare una grave polmonite, quando le persone inalano l'acqua contaminata sotto forma di goccioline molto piccole.

Nel 5-10%, la malattia ha un esito fatale nonostante il trattamento antibiotico, scrive l'UFSP. Le persone anziane e deboli sono particolarmente a rischio. Tuttavia, molte infezioni sarebbero anche innocue e più simili a lievi raffreddori.

Head Bio medical scientist, Alison Whytell from Morecambe, watches a urine sample being tested at Barrow-in-Furness Hospital, England, after a massive outbreak of Legionnaires disease, Sunday Aug. 4, 2002. At least 36 people have been infected with the Legionnaires' disease that killed an elderly man Friday Aug. 2, 2002. (AP Photo/PA, Owen Humphreys) **UNITED KINGDOM OUT NO MAGAZINES**
Una ricercatrice britannica esamina un campione di urina nel 2002 dopo che più di 30 persone sono state infettate in un ospedale nel Regno Unito (foto d'archivio).
KEYSTONE/AP Photo/PA, Owen Humphreys

I batteri amano i tubi dell'acqua e i soffioni

È già noto che la legionella si moltiplica particolarmente bene nei sistemi idrici in cui l'acqua non viene costantemente rinnovata. Inoltre, ai batteri piacciono le temperature dell'acqua comprese tra 25 e 45 gradi. Queste condizioni sono soddisfatte, ad esempio, da tubazioni dell'acqua, soffioni della doccia o vasche idromassaggio.

Tuttavia, non c'è pericolo se si beve acqua contenente legionella. L'acido dello stomaco uccide i batteri, scrive l'UFSP. Sebbene la legionella possa essere trasmessa da persona a persona, ad esempio attraverso gli starnuti, è estremamente rara.

I primi casi noti dopo le riunioni dei legionari

La malattia è stata diagnosticata per la prima volta nel 1976 dopo una riunione dell'organizzazione dei veterani degli Stati Uniti «American Legion».

182 casi si sono verificati dopo l'incontro, a cui hanno partecipato oltre 2000 persone. 29 persone sono morte. Da qui il nome «malattia del legionario».