Bancomat fatti esplodere, gli autori agiscono in gruppi di tre o quattro

tsha

21.6.2021

Polizia scientifica al lavoro dopo l'esplosione di uno sportello automatico della  Raiffeisen a Novaggio.
Polizia scientifica al lavoro dopo l'esplosione di uno sportello automatico della Raiffeisen a Novaggio.
Ti-Press

In Svizzera, i bancomat vengono fatti saltare in aria di continuo. L'ultima volta nel mese di maggio nel Canton Argovia. Alcune banche stanno correndo ai ripari e spesso non fanno che esacerbare il problema.

tsha

21.6.2021

È un argomento di cui la maggior parte delle banche è riluttante a parlare. Perché le mette a disagio, ma anche perché le preoccupazioni di sicurezza impediscono loro di entrare pubblicamente troppo nei dettagli.

In Svizzera, come altrove in Europa, i bancomat sono sempre più spesso violati. Il termine usato in questi casi è «fessurare», il che suona più innocuo di quanto non sia. Perché i metodi dei rapinatori di bancomat hanno poco a che fare con i metodi degli scassinatori dei fumetti di Topolino: invece dei piedi di porco, di solito sono usati gli esplosivi.

Come riportato dal Tages-Anzeiger, ci sono stati recentemente molti casi di bancomat fatti saltare in aria nella Confederazione. Secondo il rapporto, malviventi hanno colpito tre volte solo nelle ultime cinque settimane. Nel 2020, sono stati contati un totale di 45 attacchi, un anno prima erano 56. Sempre nel 2018, il numero era significativamente inferiore con 18 esplosioni.

Da allora, non solo è aumentato il numero totale di attacchi ai Bancomat, ma sono cambiati anche i metodi. La sabbiatura con gas o esplosivi è ormai uno standard, mentre il metodo classico - danneggiare il distributore con attrezzi - sta diventando meno comune, secondo un conteggio del Tages-Anzeiger.

Molti attacchi falliscono

Secondo l'Ufficio federale di polizia (Fedpol), tutta l'Europa è colpita dalla nuova brutalità dei rapinatori di bancomat: Olanda, Germania, Italia, Austria, Francia, Romania e Spagna. «L'origine degli autori è ampia - dice il rapporto annuale Fedpol 2020 - provengono dai Balcani, dalla Francia, dalla Romania, dalla Moldavia e dal Nord Africa». I criminali agiscono in gruppi di tre o quattro, aggiungono gli investigatori. 

Per far saltare i bancomat, gli autori usano «polvere da sparo nera ordinaria, ma anche esplosivi non convenzionali», come il triperossido di triacetone, che è fatto da nitrato di ammonio e acetone, secondo la Fedpol.

Molti attacchi falliscono, tuttavia, suggerendo che alcuni autori hanno problemi a maneggiare correttamente gli esplosivi. «Gli attacchi hanno bisogno di preparazione e pianificazione», dice al Tages-Anzeiger la portavoce di Fedpol Anne-Florence Débois. 

Raiffeisen particolarmente colpita

In Svizzera, la Raiffeisen, che ha più bancomat dei suoi concorrenti, è particolarmente colpita dagli attacchi. Il 60% di quelli resi noti sono diretti contro i distributori automatici della cooperativa.

«Il team di sicurezza di Raiffeisen Svizzera analizza in dettaglio l'attuale situazione di sicurezza e ne ricava possibili misure», fa sapere l'istituto a «blue News». La banca è «in contatto regolare con la polizia e i fornitori delle macchine per implementare ulteriori misure di sicurezza», e gli standard di sicurezza sono «quelli in vigore nel settore e aggiornati».

Raiffeisen non entra nei dettagli «per motivi di sicurezza», come spiega un portavoce. Secondo il Tages-Anzeiger, tuttavia, sempre più banche stanno prendendo contromisure, per esempio aggiornando le loro macchine per essere a prova di esplosione. Il che, a volte, fa sì che anche gli autori usino più esplosivi, cosa che porta a una maggiore distruzione. In pratica un circolo vizioso.

L'ultimo esempio in ordine di tempo di questa crescente brutalità è quello del bancomat preso di mira alla Nussbaumen AG. All'inizio di maggio, ignoti hanno fatto esplodere un distributore della Banca cantonale argoviese prima di fuggire, presumibilmente su uno scooter, con una quantità sconosciuta di denaro.

La banca e il centro commerciale in cui si trova «hanno subito ingenti danni alla proprietà», secondo la polizia: Le immagini della scena del crimine infatti mostrano una massiccia distruzione.

La distruzione è stata piuttosto ampia nel canton Argovia
La distruzione è stata piuttosto ampia nel canton Argovia
KAPO AG