Successione Gössi

Burkart: squadra di vicepresidenti per unire, non dividere

jeko, ats

16.8.2021 - 16:27

Thierry Burkart vuole «riaccendere il fuoco liberale» e unire, non dividere. Sono queste le prime parole dell'unico candidato alla successione di Petra Gössi a capo del PLR. Il consigliere agli Stati argoviese vuole guidare il partito con una squadra di quattro vicepresidenti.

Staenderat Thierry Burkart gibt waehrend einer Medienkonferenz die Kandidatur fuer das Praesidium der FDP Schweiz bekannt, am Montag, 16. August 2021 in Bern. (KEYSTONE/Peter Klaunzer)
Thierry Burkart oggi si è presentato davanti ai media, spiegando la sua strategia in qualità di candidato unico alla presidenza del Partito liberale svizzero.
KEYSTONE

jeko, ats

16.8.2021 - 16:27

«Mi trovo davanti a voi con grande gioia e umiltà. Sapendo che grande compito dobbiamo affrontare», ha detto oggi Burkart in conferenza stampa a Berna. «Ho riflettuto molto sulla domanda per questo ruolo e ho un grande rispetto per questo compito».

Quattro vicepresidenti

L'avvocato 45enne ha chiesto anche una ristrutturazione della direzione del partito, con il numero di vicepresidenti che passerà da due a quattro: oltre agli attuali vicepresidenti, il consigliere agli Stati Andrea Caroni (AR) e il consigliere nazionale Philippe Nantermod (VS), Burkart propone che siano eletti nella direzione pure la «senatrice» Johanna Gapany (FR) e il consigliere nazionale Andri Silberschmidt (ZH).

«Voglio che questa candidatura sia chiaramente intesa come quella di una squadra», ha spiegato Burkart ai media, promettendo una «forte voce» liberale. Tuttavia, ha ammesso, ciò richiede anche che il partito rimanga unito. «Unificare il partito sarà un grande compito di leadership per la nostra squadra», ha sottolineato l'argoviese.

Poiché Caroni e Silberschmidt erano membri della commissione cerca, Burkart ha dovuto aspettare che il lavoro del comitato fosse completato prima di poterli avvicinare: pertanto, ha spiegato il 45enne argoviese, la «squadra finale si è riunita solo negli ultimi giorni e quindi non posso ancora presentare un programma completo del partito».

Opinioni diverse

L'unico candidato alla presidenza del PLR non ha voluto definire l'orientamento del partito: «Le posizioni del partito sono determinate negli organi designati a questo scopo. Sarà qui che mi farò sentire», ha spiegato, citando tra i temi chiave l'energia, la migrazione e anche le assicurazioni sociali.

La Svizzera ha bisogno di una voce liberale e solo il PLR può fornirla, ha affermato Burkart, secondo il quale il partito deve offrire soluzioni a lungo termine, costruttive e ponderate.

Sulla politica europea, però, Burkart stesso ha contribuito alla spaccatura del partito con la sua dichiarazione iniziale a favore della rottura dei negoziati sull'accordo quadro con l'UE. A differenza del partito, si è anche opposto alla legge sul CO2. A questo proposito, il «senatore» argoviese ha detto che il partito deve ora cercare un nuovo inizio. «Si tratta di riconoscere che tutti noi abbiamo avuto un ruolo nel passato, ma ora ci concentriamo sul futuro e diamo forma al partito».

Ci saranno sempre opinioni diverse nel partito liberale-radicale, ha detto. «Il punto è riconoscere questi diversi atteggiamenti all'inizio e cercare il consenso. Allora troveremo una posizione unitaria», ha detto Burkart, precisando che ci sono anche molte questioni sulle quali il partito si mostra unito. Negli ultimi mesi, tuttavia, le differenze sono venute alla ribalta.

Burkart ha anche commentato la futura politica climatica del PLR: «Sosteniamo l'accordo di Parigi sul clima. Per raggiungere questi obiettivi, abbiamo bisogno di una nuova legge sul CO2», ha detto, sottolineando però che le misure non dovranno essere sostenibili solo ecologicamente, ma pure socialmente. «Dobbiamo aderire al principio dei costi reali e cercare soluzioni ad ampio raggio», ha aggiunto.

jeko, ats