Cassis a Tirana per i 50 anni di rapporti diplomatici con l'Albania

bp, ats

23.11.2020 - 18:00

In occasione dei 50 anni di rapporti diplomatici con l'Albania, il consigliere federale Ignazio Cassis ha effettuato oggi una visita ufficiale a Tirana.
SDA

In occasione dei 50 anni di rapporti diplomatici con l'Albania, il consigliere federale Ignazio Cassis ha effettuato oggi una visita ufficiale a Tirana.

I colloqui si sono incentrati sull'impegno elvetico nel paese balcanico, sulla presidenza albanese dell'OSCE e sulla candidatura di entrambi i Paesi al Consiglio di sicurezza dell'ONU. Ignazio Cassis ha espresso la disponibilità di Berna a continuare a sostenere il governo di Tirana nei suoi sforzi di riforma e ha riconosciuto il ruolo il Paese svolge per la stabilità dei Balcani occidentali e l'avvicinamento dei Paesi della regione all'Europa.

Il responsabile della diplomazia rosso-crociata ha incontrato il primo ministro albanese Edi Rama, il ministro degli esteri Gent Cakaj e il presidente Ilir Meta. Con essi Cassis ha trattato vari temi in ambito politico, sociale, economico e della formazione professionale, riferisce un comunicato odierno del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE).

Sostegno garantito dalla Svizzera all'Albania

Con il premier Rama, il capo del DFAE ha a evidenziato il sostegno garantito dalla Svizzera all'Albania per la presidenza dell'Organizzazione per lo sviluppo e la cooperazione in Europa (OSCE). Il colloquio con Cakaj ha offerto l'occasione per discutere di questioni bilaterali e della situazione politica in Albania e nei Balcani occidentali.

Insieme al presidente Meta, il consigliere federale ha ripercorso 50 anni di «ottime e amichevoli» relazioni diplomatiche tra i due paesi, che dal 1970 a oggi sono state ulteriormente sviluppate e rafforzate, sottolinea il comunicato del DFAE.

«È per me un grande piacere celebrare questo anniversario con una visita. Cinquant'anni di relazioni diplomatiche; mezzo secolo di legami amichevoli. Gli ultimi 12 mesi, in particolare, hanno dato una straordinaria testimonianza della nostra reciproca solidarietà: dopo il grave terremoto di un anno fa la Svizzera ha inviato aiuti umanitari, e anche durante la pandemia di COVID-19 i nostri rapporti sono sempre stati intensi», ha detto Cassis secondo il comunicato.

Dal 1996 345 milioni di franchi per lo sviluppo dell'Albania

A conclusione del suo viaggio ufficiale il consigliere federale ha visitato un progetto sostenuto dalla Svizzera per la ricostruzione di case danneggiate dal terremoto del novembre del 2019, che in Albania ha ucciso una cinquantina di persone e ne ha lasciate oltre 30'000 senza tetto.

Dal 1996 la Svizzera ha investito circa 345 milioni di franchi per lo sviluppo dell'Albania e, insieme alla Germania, è uno dei suoi più importanti donatori bilaterali, nota il DFAE.

Tornare alla home page

bp, ats